Mercato, il sogno di Gaye diventa realtà: lo tessera la Juve Stabia. Il Rende non ci sta

Print Friendly, PDF & Email

Novità ed un mare di trattative segnano questa prima decade d’agosto. Il Catanzaro è sempre tra le più attive: dopo l’accordo consensuale per la separazione con Antonello Preiti, l’US è corsa ai ripari per il reparto difensivo a causa dell’infortunio di Di Nunzio (out per almeno due mesi), ingaggiando Domenico Marchetti, la scorsa stagione alla Maceratese (per lui anche due anni importanti con la Vigor Lamezia). Chiuso l’accordo per bomber Infantino, si è sempre alla ricerca di un regista di centrocampo (sfumato Giannone), di una seconda punta (si parla di Domenico Girardi, classe ’85, la scorsa stagione 25 presenze e 10 gol con la maglia della Nocerinae di un giovane portiere da affiancare all’esperto Nordi. Di conseguenza, quasi certi di cambiare casacca sono Sarao e Pasqualoni. 

Il Cosenza, dopo aver ufficializzato Loviso (l’ex Bologna sarà la nuova mente della mediana rossoblù), chiude la settimana con un’amichevole a ranghi misti: gli allenamenti riprenderanno martedì allo stadio Gigi Marulla. La Società Akragas Città dei Templi, nel frattempo, comunica di aver raggiunto l’accordo con Francesco Mileto per il rinnovo del contratto, difensore arrivato in prestito dal Messina nel precedente mercato invernale. Tra i più ricercati attaccanti della serie C, sicuramente M’Bala Nzola: dopo un lungo corteggiamento e tante squadre alla finestra,  saluta la sua squadra Virtus Francavilla (autore di 11 gol nell’ultima stagione) accasandosi in Serie B, al Carpi, dove ritroverà l’ex mister biancazzurro Calabro. I pugliesi si consolano, tuttavia, con Federico Mastropietro, classe ’99 ex Juventus e con Daniel Giampaolo, proveniente dall’Anzio Calcio 1924, già a disposizione di mister Gaetano D’Agostino.

Il Matera ha annunciato l’acquisto del portiere sloveno Golubovic mentre la Juve Stabia rendo noto di aver ceduto alla Sicula Leonzio, a titolo temporaneo con diritto di riscatto, le prestazioni del centrocampista, classe ’95, Gianluca Esposito; sempre in Sicilia sbarca l’attaccante Diogo Filipe Conceicao Tavares, ex Catania e Catanzaro. Il Lecce nonostante un mercato finora molto attivo, cerca sempre un regista, ma resta in stand by la trattativa con Schiavone: trova tuttavia l’accordo per il rinnovo fino al 2020 del forte attaccante Salvatore Caturano. La Reggina, in attesa della prima sfida ufficiale di giorno 13 agosto in Coppa Italia contro i cugini giallorossi, ingaggia, in prestito dal Benevento, il difensore classe ’98, Salvatore Tazza. Il Palermo piazza altra due giocatori nel girone C: si tratta del centrocampista classe ’97, Marco Toscano che firma con il Siracusa e del difensore centrale, classe ’98, Tafa Shaqir che va al Monopoli.

Una bella storia a lieto fine è quella di Omar Gaye, terzino classe ’98 proveniente dal Gambia che dopo un periodo di prova ha convinto lo staff della Juve Stabia firmando il contratto che lo legherà alle Vespe nella prossima stagione. Molto particolare la storia di Omar, arrivato in Italia con lo status di rifugiato e tesserato nel gennaio 2017 dall’Afro Napoli, club di Promozione specializzato nel sostegno a giovani ragazzi africani, corona il sogno di diventare giocatore professionista.  Molto attiva anche la Casertana: Manuel Nocciolini, classe ’89 nativo di Piombino, è l’obiettivo per il reparto avanzato dei rossublu, mentre De Vito, attualmente svincolato dopo l’esperienza biennale al Messina e il centrocampista del Pisa Giulio Sanseverino (classe 1994), sono i due nomi nuovi per il centrocampo.

E’ in prova con il Siracusa, l’esterno d’attacco Martin Gonzalo Martinez, classe ’96: l’italo-argentino nella scorsa stagione ha militato nel Pro Piacenza, dove ha collezionato 17 presenze ed una rete.

Il Catania, attraverso il proprio sito, ha comunicato di aver definito il prolungamento fino al 30 giugno 2019 del rapporto contrattuale con l’ex talento giallorosso Andrea Russotto.  

In tema di ripescaggio, non ci sta il Rende, escluso in extremis dalla terza serie per un problema nella fideiussione: la squadra calabrese proverà comunque a prendersi la serie C facendo ricorso. Dopo aver sistemato il terreno di gioco, presentato il fondo perduto di 300mila euro e dato ampie garanzie sulla prossima stagione, sarebbe davvero una beffa rimanere fuori per un problema temporale, visto che la seconda fideiussione, adeguata ai parametri, è stata presentata in ritardo.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti