SI GIOCA CONTRO… La Sicula Leonzio

Print Friendly, PDF & Email

Archiviata la trasferta di Bisceglie dove ha raccolto un pari meritato, la Sicula Leonzio sta preparando minuziosamente, sotto la guida esperta di mister Pino Rigoli, il match casalingo contro il Catanzaro, che varrà il sesto appuntamento in campionato. Una città, Lentini, che respira aria di calcio professionistico dopo ben ventitré anni, passando dal calcio dilettantistico nel 2013, quando rilevò il titolo sportivo del Real Belpassese in Promozione: il Presidente Giuseppe Leonardi, è il più giovane della serie C, classe ’90, imprenditore nel settore dello smaltimento di rifiuti a capo della Sicula Trasporti, balzato alla cronaca sportiva, lo scorso anno quando la Gazzetta dello Sport, dopo sei giornate di campionato, si interessò alla realtà di Lentini che deteneva il record di “clean sheet” dalla serie A alla serie D, non avendo fino ad allora mai subito un gol.

Squillace

Un avvio di campionato, quest’anno, complessivamente positivo, con un solo risultato negativo, in casa contro la capolista Monopoli: i punti cumulati, frutto di una vittoria nella prima giornata contro il Matera e due pareggi contro il forte Trapani e sul campo dell’altra neo promossa, Bisceglie. Pochi precedenti in Sicilia con i giallorossi: solo tre partite con uno score a favore dei padroni di casa che hanno incassato sette punti su nove disponibili. L’ultima sfida risale al 23 maggio 1993 in serie C2, con Presidente Albano e allenatore Improta: terminò 2-0 al Nobile per i bianconeri e il Catanzaro quell’anno chiuse all’ottavo posto mentre il Leonzio (allora Atletico) fu protagonista di un gran campionato, concluso al secondo posto con 43 punti, a soli tre dalla prima, la Juve Stabia.

Non si sa ancora se la partita potrà giocarsi al Comunale “Angelino Nobile” di Lentini a causa dell’impianto di illuminazione ancora incompleto; in caso contrario, sarà il “San Filippo” di Messina ad ospitare il match.

Arcidiacono

Molto probabilmente mister Rigoli opterà per un 4-3-3 collaudato affidandosi in particolare alla voglia dei due ex della partita, Squillace e Tavares, protagonisti nel pareggio di Bisceglie e si schiererà con l’esperto Narciso tra i pali (trentasette primavere per lui), Gianola e Aquilanti centrali, mentre sugli esterni saranno De Rossi e Squillace ad agire; centrocampo a tre con Davì davanti la difesa e D’Angelo e Marano ai lati, mentre in attacco spazio a Bollino, Arcidiacono e Diogo Tavares, che dovrebbe avere la meglio sull’ex punta del Rende Ferreira, autore quest’ultimo del gol partita nella prima giornata contro il Matera.

 

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti