“Paghiamo a caro prezzo disattenzioni”: Erra in sala stampa

Print Friendly, PDF & Email
Coppola

Il Catanzaro paga a caro prezzo, per l’ennesima volta, disattenzioni difensive e scarsa lucidità nel concretizzare, “confezionando”, ancora, una vittoria ad un avversario che non ha rubato nulla e, “zitto zitto”, si permette di castigare per due volte in quaranta giorni le Aquile. Sempre più in bilico, a questo punto, la posizione di Alessandro Erra, che evidentemente non riesce a trasmettere l’adeguata dose di concentrazione e cattiveria agonistica ai suoi ragazzi, autori di una partenza su buoni ritmi, per poi dissolversi e concedere metri al Rende: allarmante – ricordiamo- era stato l’atteggiamento manifestato con l’Akragas per oltre un’ora, martedì sera, salvo rimettere sui giusti binari l’incontro e preservare il risultato. Al “Lorenzon”, seppur ci sia stata una reazione dei giallorossi, in particolare nella ripresa, non è bastato a spostare gli equilibri a proprio favore, senza riuscire a beneficiare dell’uomo in più. Sul finale poi, il beffardo gol di Coppola, è stato l’amaro calice servito agli oltre seicento catanzaresi che hanno colorato il settore ospiti.

<<Discreta prima frazione e grande secondo tempo, nel quale abbiamo avuto tantissime occasioni per andare in vantaggio. Negli ultimi quindici minuti abbiamo concluso diverse volte (Infantino, Kanis, Zanini) ma poi è arrivata l’ulteriore beffa! Un rimpallo ci ha castigati, generando l’angolo sul quale abbiamo perso il duello aereo – dice Erra, a fine gara-. Questa sconfitta lascia grande amarezza>>.

Eppure, il trainer delle Aquile, coglie spunti positivi: <<Nel primo tempo, in fase conclusiva potevamo fare meglio, ma nella manovra abbiamo fatto buone cose, con discrete geometrie, arrivando tante volte al cross, anche se dopo l’1-0 abbiamo forzato qualche giocata>>. Parafrasando le dichiarazioni del tecnico, anche la fortuna è stata avversa all’US: <<Addirittura eravamo con due attaccanti centrali proprio per sfruttare la superiorità aerea. L’episodio finale è stato avverso. Peccato andare sotto alla prima sortita del Rende, quando, nei primi dieci minuti, avevamo mostrato grande autorità. E’ difficile poi rincorrere. Puntualmente, paghiamo a caro prezzo cali d’attenzione che non possiamo permetterci. Dispiace per i ragazzi che hanno reagito con personalità>>.

Moderatamente soddisfatto, quindi, per l’atteggiamento dei suoi, nel cercare il gol, toccherà abbassare la testa e riprendere a lavorare, in vista del Matera: <<Da lunedì reagiremo, come sempre abbiamo fatto, quando siamo caduti>>, conclude Erra, glissando ironicamente, su un suo possibile esonero.

Senza dubbio, la proprietà valuterà attentamente, nelle prossime ore, se prendere provvedimenti drastici o proseguire con questa linea tecnica.

Commenti

commenti