“Obiettivo? Dare continuità alle prestazioni”: parla Nicoletti

Print Friendly, PDF & Email

Uno scampolo di gara, sabato scorso, nelle fasi in cui il Catanzaro proprio non riusciva a scardinare la difesa dell’Andria: mister Dionigi ha gettato nella mischia Sirri e Nicoletti per intervenire sull’out di sinistra, dal quale provenivano le insidie andriesi. Alla fine un pareggio ad occhiali, che ha scontentato un po’ tutti, malgrado un Catanzaro incerottato.

Per recuperare terreno, toccherà fare punti già dalla difficile trasferta in terra pugliese, sul campo del Francavilla, sabato pomeriggio. In previsione della partita, ha parlato Manuel Nicoletti, costretto ai “box” per tutto il ritiro pre-campionato e che, soltanto adesso, sta raggiungendo una buona condizione fisica.

Un brutto infortunio e l’esordio tra i professionisti comunque non hanno annichilito il ragazzo, intenzionato a mettersi al passo dei compagni, per garantire loro affidabilità, mettendosi totalmente a disposizione. Eppure, il giovanissimo terzino catanzarese pare non aver individuato grosse difficoltà nello “scatto di classe” tra il settore giovanile e i “pro” per quanto riguarda i sistemi di gioco; la vera soggezione per un debuttante, può nascere dalla pressione di un pubblico passionale come quello giallorosso. Queste, in sintesi, le affermazioni del numero 2, alla ripresa dei lavori.

<<Nel ruolo da terzino sinistro, è fondamentale avere una buona condizione per dare maggiore spinta offensiva nei novanta minuti ed essere una spina nel fianco costante per gli esterni avversari>>, ammette Nicoletti, il quale traccia una sostanziale differenza nel metodo di lavoro tra Erra e Dionigi: <<Tra i due tecnici, si scorge una differenza nell’aggredire il portatore. Siamo molto più aggressivi, “corti” tra i reparti; nell’ultima partita abbiamo subito poco per questo motivo>>, rivela, evidenziando quanto si stia assestando la coralità nel difendersi. Insomma, in situazioni di non possesso, è necessario che anche la punta ripieghi a dare manforte nella propria metà campo.

Intanto, l’US è chiamato ad un doppio impegno nell’arco di tre giorni, duro da affrontare. Dopo il Francavilla, infatti, sarà il sorprendente Monopoli dell’ex Sarao a far visita al “Ceravolo”: <<Ora dobbiamo dare seguito alle prestazioni e non è semplice, perché siamo in pochi e servirebbe l’aiuto di tutti, anche per allenarsi bene, non solo in partita – osserva-. Squadre come il Monopoli, che sta andando “forte”, ci motivano a fare meglio. L’obiettivo è dare continuità alle prestazioni>>.

Commenti

commenti