“E’ successo in…” – 14^ giornata

Print Friendly, PDF & Email

Continua la corsa a due tra Lecce e Catania, nel girone meridionale del campionato di serie C. Nessuna delle due sembra intenzionata a mollare. Il Lecce si comporta da vera capolista, in questa 14^ giornata e sbanca il “De Simone” di Siracusa grazie ad un primo tempo arrembante: in vantaggio con Armellino, è il solito Di Piazza a metà primo tempo a raddoppiare; un tiro mancino di Tsonev porta sul 3-0 la squadra di Liverani, mentre per gli aretusei accorcia le distanze Catania al 73′, per il 3-1 finale.

Il Catania vince di misura contro un buon Catanzaro che, pur giocando con grinta e personalità, non riesce ad uscire indenne dal “Massimino”: decide una rete di Caccetta nella ripresa, bravo ad anticipare tutti di testa, su angolo, superando Nordi, autore di ottimi interventi nell’arco della partita. Giallorossi con la testa al derby di domenica contro i rivali di sempre, il Cosenza, per una partita che può dare un senso alla stagione: i Lupi decisamente rinvigoriti dalla “cura Braglia”, riescono ad avere la meglio sulla Juve Stabia con una zampata di Mendicino ad inizio ripresa, rimandando a casa le Vespe, apparse per lunghi tratti senza un’idea di gioco.

Ancora una volta il Trapani in vantaggio di tre reti si fa rimontare: dopo le Aquile, questa volta tocca al Matera l’impresa: ai gol di Silvestri, Maracchi ed Evacuo nel primo tempo, rispondono Urso e Giovinco autore di una doppietta grazie a due rigori (il secondo in pieno recupero) per il definitivo 3-3.

Sembra in crisi il Monopoli, alla seconda sconfitta consecutiva dopo quella del “Ceravolo”, ancora per mano di una calabrese, il Rende, che espugna il “Veneziani” senza l’obbligo di strafare, grazie al gol di Rossini ad inizio ripresa.

La Casertana batte facilmente la Paganese per 3 a 0: vittoria importantissima per la formazione di Luca D’Angelo che si aggiudica lo scontro diretto in chiave salvezza, grazie ad un secondo tempo in cui i Falchetti dilagano con le marcature di Alfageme, Carriero e Marotta.

Quinta sconfitta consecutiva per l’Akragas che non riesce a scrollarsi di dosso l’ultimo posto del girone C: Saraniti e Madonia fanno gioire i tifosi della Virtus Francavilla sul neutro di Brindisi, punendo forse eccessivamente gli uomini di mister Di Napoli. La Sicula Leonzio si fa invece rimontare a Fondi dai padroni di casa: bianconeri in vantaggio con Marano, tocca a Ghinassi in chiusura di primo tempo e poi ad Addessi, ribaltare l’esito dell’incontro. Al 90′ espulso il mister dei siciliani, Pino Regoli per proteste.

Decimo pareggio in campionato per la Fidelis Andria (un record!), che non va oltre lo 0-0 contro il Bisceglie: gli uomini di mister Zavettieri ai punti avrebbero meritato la vittoria, specialmente nella ripresa, ma è soprattutto la bravura dell’esperto portiere azzurro Maurantonio (assoluto protagonista del match) a consentire ai pugliesi di non incassare alcun gol. Turno di riposo osservato dalla Reggina.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti