“Il Giallorosso” presenta la Progressive Web App: il saluto dell’editore Conforto

“Il Giallorosso” muove un passo verso il futuro. Un futuro “distante” poche spanne, anzi, “in tasca”: ecco la nuova Progressive Web App del giornale, progetto inedito, che si pone l’obiettivo di fornire a tutti i lettori e gli utenti, una informazione semplice e costante, che si espande al di là dell’ambito del Catanzaro Calcio. Ieri, giovedì 28 dicembre, la presentazione ufficiale, presso l’Hotel “Guglielmo” di via Tedeschi, alla presenza, fra gli altri, del Primo Cittadino, Sergio Abramo, che ha accolto con disponibilità ed entusiasmo l’iniziativa (da tifoso, non solo in veste istituzionale!).

L’editore Luigi Conforto, rivolge ai lettori un saluto ed un ringraziamento, all’alba di un nuovo giorno. Non un traguardo, ma un punto di partenza. Ricordiamo ai lettori, che è possibile scaricare l’App anche cliccando semplicemente su ilgiallorosso.growapp.eu, oppure cliccando il tasto “Usa l’app”, presente sulla nostra pagina Facebook.

 

“Porgo ad ognuno di voi un augurio sentito per queste feste, con l’auspicio che il nuovo anno possa riservare sorprese e soddisfazioni dal punto di vista personale e professionale. Al di là di come andranno le cose, sappiate che io ho già avuto un grande “regalo”: quello di incontrare sulla mia strada, poco tempo fa, le eccezionali persone che fanno parte di questo nuovo progetto, uomini perbene ancor prima di essere professionisti eccellenti nei loro campi, che hanno voluto mettere a disposizione della mia testata, le loro competenze. Tra sacrifici, risultati ragguardevoli in termini di distribuzione (all’epoca in cui realizzavamo il periodico cartaceo) e di visite sulla nostra piattaforma online, mando avanti questa piccola ma solida realtà dal 2012, annata di quella che definivamo – ingenuamente, consentitemi – la “rinascita”, ignorando cosa sarebbe successo di lì a poco. Facendo un salto temporale di cinque anni, si è chiuso un ciclo che stava per culminare con la sparizione definitiva dei nostri colori, del nostro simbolo, finché la famiglia Noto e tutti i professionisti coinvolti, non hanno scelto di rimboccarsi le maniche e salvarci, facendoci riemergere dal baratro, regalandoci prospettive a cui credevamo di non poter più ambire. Dunque, al presidente Floriano Noto e, in egual misura, alla società intera da lui presieduta ed al Sindaco Sergio Abramo (che ha chiamato a raccolta tifosi e imprenditoria, poche ore dopo la sua rielezione, in un torrido pomeriggio di giugno), rivolgo il mio ringraziamento, da tifoso e da editore di un giornale che si accinge ad oltrepassare una parete multidimensionale, approvando nell’era delle app digitali, emancipandoci dalla produzione cartacea del giornale, sebbene io sia una persona all’antica, che ha sempre amato avere contatto con le pagine ed il profumo di inchiostro, tra le dita.

Presentiamo non una comune App, ma una Progressive Web App polivalente, che consentirà di avere un’informazione a 360°, in tasca, in tempo reale, attraverso notifiche geo-referenziate e geo-localizzate per tutti gli utenti, con nuovi contenuti, rubriche e news “h 24”, per far sentire i nostri lettori partecipi a ciò che orbita attorno al pianeta giallorosso, dal settore giovanile alla prima squadra, coinvolgendo in maniera attiva, tra l’altro, coloro che vorranno sponsorizzare l’iniziativa attraverso dei coupon.

Insomma, uno scambio versatile di notizie, a portata di mano, sicuri di avere le vostre adesioni, perché non saremo noi a spingere gli utenti a scaricare l’App, ma saranno gli utenti stessi a ricercarla, comodamente e senza difficoltà. Non sono solito espormi, ma in cuor mio desideravo rinnovare il ringraziamento a quanti vorranno affiancarci in questa importante iniziativa che definisco innovativa ed effervescente… un banco di prova, anzi, un trampolino di lancio per la mia redazione.

Signori e Signore, sappiate che “Il Giallorosso” con oggi, sancisce la sua crescita. Grazie a tutti”.

 

Luigi Conforto editore

 

Alcune immagini della presentazione, presso l’Hotel “Guglielmo”, al quale va’ il nostro ringraziamento

Commenti

commenti