Cason e la scelta di Catanzaro: “Qui si punta a vincere sempre”

<<Sto bene, mi alleno da due settimane, adesso sono pronto>>: Stefano Cason si presenta, alla ricerca di un posto nell’undici titolare. Il 3-5-2 composto da Dionigi, a prescindere dalla partenza o meno di Sirri, trova in Di Nunzio, Sabato e Gambaretti gli interpreti, eppure il giovane difensore di proprietà dell’Atalanta – in prestito fino a giugno – punta a trovare spazio, dopo aver recuperato dalla distorsione alla caviglia rimediata a dicembre (e curata male, per sua ammissione), che ne aveva messo in dubbio il tesseramento, fino alla fine.

<<A Carrara ero titolare, non mi mancava nulla, ma avevo in mente di andarmene e questa soluzione era per me perfetta – ammette-. Catanzaro è una città importante con una grande tifoseria, una società stabile e una squadra competitiva; poi, è stimolante giocare nel girone C, il migliore della categoria secondo me>>.

Difensore versatile, che nasce centrale ma si adatta a tutte le zone del pacchetto arretrato, fa del gioco fisico e delle abilità nel colpo di testa le sue caratteristiche. Ciò che ha convinto di più Cason, però, è l’atteggiamento del collettivo, che lo ha accolto e sostenuto da subito: <<Pur essendo qui da poco, ho capito che la mentalità di questo gruppo è giocare per vincere contro chiunque e così anche a Lecce ci faremo trovare pronti. Con il Bisceglie ho visto un bel gioco, la squadra sa come muoversi, secondo le disposizioni del mister, che vuole corsa e agonismo>>.

Commenti

commenti