Giovanili: la Berretti recrimina, sorride l’Under 14

Marrazzo, Under 14

Traghetto amaro, quello preso dagli Aquilotti per fare ritorno a casa, dopo il weekend trascorso in Sicilia.

Non è stato dei migliori, il ritorno al calcio giocato dopo un mese, per la Berretti. Al “Virciglio” Akragas-Catanzaro finisce 1-1, ma a far discutere è una direzione di gara non proprio “sul pezzo” (volendo usare un eufemismo). Certo, una volta in vantaggio con Faina (su assist di Paparazzo), l’US deve fare “mea culpa” senza ricorrere ad attenuanti, per le palle nitide sciupate durante l’ottimo primo tempo, che avrebbero potuto archiviare la pratica. L’episodio che ha influito sulle dinamiche del match, la bizzarra espulsione comminata a Ielo, prima dell’intervallo: oltre al danno, la beffa, perché il guardalinee non ravvisa il colpo, a palla lontana, rifilato da un difensore di casa, espellendo il centrocampista giallorosso per una presunta reazione. Rosso per entrambi. Nella ripresa, pallino del gioco nelle mani dei biancazzurri che, senza creare molto, trovano il pareggio con un fortuito cross. Ma non è tutto: nel finale, annullato gol (regolare) a De Pace! Da registrare, per la cronaca, l’1-1 nel derby tra Rende e Cosenza.

Se la prima squadra (alla quale era aggregato Furina), pur disputando un ottimo primo tempo, ha fatto ritorno da Lecce con una sconfitta, gli Allievi riescono a tenere testa, per tutti i novanta minuti, alla capolista Catania, pareggiando 0-0, ottenendo un punto e salendo a quota 25, che li pone in un “limbo” di classifica. Etnei sempre primi, complice il pari del Siracusa e la pesante sconfitta della Reggina.

Anche sulla partita dei Giovanissimi Under 15, ha inciso negativamente un arbitraggio non proprio eccelso. Il Catania si impone 2-0, con le firme di La Delfa e Di Stefano; il direttore di gara, prima non concede un penalty all’US, poi espelle Miletta al 23′, tagliando le gambe, di fatto, alla formazione ospite. Ai padroni di casa, merito di essere stati cinici e con più carattere dei giallorossi, che hanno comunque da imparare da questa sconfitta.

Sorride, se non altro, l’Under 14, che regola la Real Amantea con un secco 3-0, grazie alle reti di Santacroce al 6′ ed alla doppietta di Marrazzo, che prima trasforma un rigore (minuto 18), poi segna su punizione, al 25′.

 

Commenti

commenti