Pagelle

Nordi a testa alta, male Onescu – Le Pagelle di Calvano

banner
Il miracolo di Nordi

Nordi – 7: Quando il portiere è il tuo uomo migliore, sulla partita il commento è superfluo. Due grosse parate per tempo che tengono a galla – è proprio il caso di dirlo, visto il diluvio – i suoi nel tentativo di un disperato pareggio

Di Nunzio – 5,5: L’unico errore della gara, in coabitazione con Onescu, gli vale il mezzo punto in meno, altrimenti la sufficienza non gliela avrebbe negata nessuno, grazie ad una partita ordinata e corretta.

Gambaretti – 6: Vedi sopra ma senza errore. D’altronde il Rende in avanti non fa granché e il merito è anche del difensore giallorosso, che lotta con ardore su ogni pallone.

Sabato – 5.5: Gara senza infamia e senza lode, dalla sua esperienza ci si aspettava qualcosina in più.

Zanini – 5: Non il solito Zanini, colpa anche di un “campaccio” che non aiuta le sue doti tecniche e di una squadra che, con poche idee, lo serve poco e male.

Sepe – 5.5: Una gara difficile da giudicare, alterna buone giocate a momenti di stasi. Paga la poca creatività della squadra in avanti ma non disdegna la lotta in mezzo al campo.

Marin – 6.5:  Almeno ci mette l’anima e qualche buona geometria. Il migliore della mediana giallorossa, prova anche a rendersi pericoloso con una conclusione dalla distanza. Anche l’ammonizione per proteste dimostra di tenere alla maglia.

Van Ransbeeck – 6: La regia passa dai suoi piedi ma è poca roba. Pochi palloni giocati e giocabili, ci prova anche lui con un tiro a fuori, simbolo delle difficoltà delle Aquile di avere occasioni nitide da gol.

Spighi – 5: Sbaglia la più clamorosa palla-gol della gara e questo pesa sul risultato e forse anche sulla sua prestazione, perché lentamente si spegne ed esce dal gioco giallorosso.

Cunzi – 5: Il solito battagliero e confusionario Cunzi. Segnerebbe anche, peccato che lo faccia con un braccio. Per il resto poche occasioni da gol e un terreno di gioco che ne frena le accelerazioni e la proverbiale corsa.

Infantino – 6: Fa a sportellate ma troppe volte si trova spalle alle porte. Protesta per due rigori – sembravano netti – causati anche dalla pericolosità che crea in area. Ottimo l’assist per Spighi che non concretizza e questo – e la sconfitta in generale – non può essere imputata certamente a lui.

Onescu – 4: Una dormita colossale che favorisce il gol del Rende. Errore grave a parte, comunque non fa nulla per cercare di rimediare. Gara assolutamente sottotono, da dimenticare quanto prima.

Corado – 5: Ha una buona occasione proprio all’ultimo minuto ma è troppo poco per cercare di raddrizzare un bruttissimo match.

Valotti – s.v.

Badjie – s.v.

Puntoriere – s.v.

Davide Dionigi – 4,5: Mister, cosa succede a questo Catanzaro? Squadra involuta e con poca grinta, tutto il contrario di quanto mostrato all’inizio della sua gestione. Da rivedere anche alcune scelte e qualche incertezza sull’undici iniziale.

 

Francesco Calvano

Related posts

Fisch e Celiento lottano, il “6” è per pochi – Le Pagelle

admin

Zanini ritrovato, Sepe e Corado da rivedere – Le Pagelle di Calvano

admin

Giannone e Riggio ancora una volta i migliori – Le Pagelle

admin