Puntoriere corre ma non incide, Onescu meglio – Le Pagelle di Calvano

Nordi – 6: Incassa due gol senza avere colpe. Risponde “presente” quando è chiamato in causa, evitando un peggior passivo per i suoi.

Zanini – 5: Spento, disattento e impreciso: una prestazione sottotono che gli costa la sostituzione dopo solo quarantacinque minuti.

Nicoletti – 6: Se il suo tiro a metà del primo tempo fosse entrato, la partita del Catanzaro sarebbe stata diversa e il suo voto almeno un punto in più. Ma stavolta è fermato da imprecisione e sfortuna e, raramente, dai difensori siciliani.

Gamberetti – 5.5: Sì, ok, Evacuo fa un gol da attaccante esperto ma, proprio per questo, il difensore giallorosso, non può concedergli tutto quello spazio. Ha un avversario duro che lo mette in ombra.

Riggio – 5.5: Come per Gamberetti paga le disattenzioni sui gol trapanesi premiati oltremodo anche grazie ai difensori giallorossi, autori di gravi disattenzioni.

Onescu – 7: Il migliore! E non solo per il rigore procurato ma anche per le geometrie che costruisce durante tutti i novanta minuti e che consentono al Catanzaro di fare un figurone di fronte al più forte Trapani.

Marin – 6.5: Muscoli, polmoni e pressing lo fanno emergere in mezzo al campo mettendo in crisi la manovra del Trapani, che infatti costruisce poco e nulla.

Maita – 6.5: Un solo errore di lezionismo che poteva costare caro ma sicuro troppo poco per giudicare male il regista giallorosso, che si impone per la sua sempre ampia e puntuale visione di gioco

Puntoriere – 5.5: Dà verve e velocità alla manovra giallorossa ma purtroppo solo quella. Quando prova a essere più concreto lo fa con un po’ troppo disordine.

Falcone – 6.5: Il voto è la media tra la prova tutta dribbling e cross e la poca concretezza sottoporta in un paio di occasioni. Se aggiusta la mira, insomma, può diventare determinante.

Infantino – 6.5: Ancora un gol, seppure solo su rigore ma l’ennesima prova generosa sia spalle che faccia alla porta. In entrambi i casi prova a sfondare o serve interessanti palloni ai compagni di squadra.

Spighi – 5.5: Entra per sostituire Zanini ma non lo fa rimpiangere.

Letizia – 6: Risente ancora dell’infortunio da cui è rientrato, ma nei pochi momenti giocabili dimostra la consueta classe.

Corado – 5.5: Gara senza infamia e senza lode. Non dà il giusto peso all’attacco giallorosso nel momento del bisogno.

Sabato – s.v.

Valotti – s.v.

Giuseppe Pancaro – 6: Ai punti il suo Catanzaro avrebbe meritato la vittoria ma le polveri degli attaccanti giallorossi sono ancora bagnate. Se in una sola settimana la squadra ha creato così tanto, non si può solo che lavorare e migliorare.

 

Francesco Calvano

Commenti

commenti