SI GIOCA CONTRO… Il Trapani

Sarà il Trapani il primo banco di prova del nuovo tecnico del Catanzaro, Giuseppe Pancaro che, subentrato in settimana a Dionigi alla guida dei giallorossi, proverà – sia pur con il poco tempo avuto a disposizione – ad invertire il trend negativo delle precedenti settimane: sono infatti quattro le sconfitte per le Aquile nelle ultime cinque gare e l’avversario di domenica non è proprio tra i più facili. I granata provengono infatti da tre vittorie consecutive (l’ultima in casa per 3-1 contro il Fondi) e verranno in Calabria alla ricerca dei tre punti utili ad insidiare la seconda posizione del Catania, distante solo due lunghezze.

Evacuo

Per l’undicesima volta tra campionato e Coppa Italia si scontreranno al “Ceravolo” le due squadre e il bilancio è decisamente a favore dei giallorossi che si sono aggiudicati ben nove incontri a dispetto delle sole due vittorie dei siciliani, mentre non si è mai registrato alcun pareggio. L’ultima vittoria del Trapani risale alla stagione 1998/1999 in serie C2, quando i granata guidati da Andrea Pensabene si imposero per 2-1; per i giallorossi invece l’ultima vittoria risale alla Coppa Italia della stagione 2010 e 2011, quando il Catanzaro di Ciccio Cozza si impose per 2-1 e il gol decisivo fu realizzato su calcio di rigore dal portiere goleador Luca Scerbo. L’anno precedente, stagione di “Tribuna Gianna”, ci pensò un figlio della città (del quartiere Pontepiccolo), Andrea Capicotto, a piegare i forti siciliani, con un gol diretto su punizione.

All’andata fu uno scoppiettante 3-3 al “Provinciale” di Trapani, con il Catanzaro che andò a riposo sotto di tre gol ma fu capace di recuperare grazie alle reti di Zanini, Infantino ed Onescu: il gruppo ereditato da Dionigi, dimostrò un evidente ripresa sotto l’aspetto dell’intensità e della motivazione. Peccato che, la ripresa tanto auspicata, si manifesterà ad intermittenza, nei mesi successivi, fino alle dimissioni del trainer reggiano.

Corapi

Il modulo di riferimento per la squadra di Alessandro Calori (ex giocatore di A, incrociato molte volte da Pancaro) probabilmente non cambierà dal consueto 3-5-2: Furlan in porta; in difesa spazio a Drudi, Silvestri e Pagliarulo; a centrocampo Marras a destra mentre sul versante opposto agirà Rizzo, con al centro Scarsella (accostato all’US nel mercato di gennaio), Palumbo e l’atteso ex Ciccio Corapi; in attacco Campagnacci ed il temutissimo Evacuo.

Sarà Francesco Meraviglia della sezione AIA di Pistoia e al secondo anno di Can Pro l’arbitro di Catanzaro – Trapani: un precedente a testa positivo per le due squadre, entrambe vincenti con il fischietto toscano.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti