Pagelle

Soffre la difesa, Maita accende la luce nella ripresa – Le Pagelle di Calvano

banner

Nordi 6: Non può nulla sulle reti dei giocatori del Matera; per il resto non deve fare grandi interventi ma purtroppo però non può fare nulla per evitare la sconfitta dei suoi.

Gambaretti – 5: Una prestazione sufficiente, se non fosse per il grosso errore sul secondo gol lucano, dove è troppo blando e si lascia saltare con troppa facilità.

Di Nunzio – 5: Come il collega di reparto, prestazione sottotono specie perché nel primo tempo, il Matera centralmente fa tutto quello che vuole o quasi.

Sabato – 5,5: Non facile adattarsi a un ruolo non suo, paga la gara sottotono di tutto il reparto.

Zanin – 6.5:  Bene come al solito in fase offensiva, dove fornisce l’assist per l’1-2, stavolta si fa apprezzare anche per delle buone chiusure difensive.

Nicoletti – 5.5: Soffre la verve di Di Livio nel primo tempo, va meglio nella ripresa, ma da lui ci si aspetterebbe sempre qualcosa di più.

Van Ransbeeck – 5: Inizia bene, poi si spegne pian piano. Inevitabile ed emblematico della sua prestazione il cambio a inizio ripresa.

Marin – 6: La solita grinta, soprattutto nella ripresa, non leva mai la gamba e l’impegno. Meriterebbe il gol che il bravo portiere lucano gli nega con un grandissimo intervento.

Spighi 6: Come il compagno di reparto, si accende anche se solo a tratti. Può e deve fare molto di più.

Infantino – 6,5: Un gol “alla Infantino” che riaccende le speranze giallorosse. Di fronte al suo ex pubblico, l’attacante giallorosso fa un figurone facendo sempre sentire la sua presenza in area di rigore.

Falcone – 5: A differenza del collega di reparto non lo si vede mai. Pochi palloni giocati e giocabili, abbandona il campo deludendo.

 

Onescu – 6: entra e dà subito quella verve che serviva al Catanzaro, che infatti si trasforma e inizia a giocare come dovrebbe fare sempre.

Maita – 6.5: Vedi Onescu e aggiungici più qualità ed ecco giudicata la prova del regista giallorosso, che accende la luce e fa girare la palla con la giusta velocità e precisione. Fosse riuscito anche a segnare il gol del pareggio nel finale, sarebbe stato l’eroe del giorno. Ma il portiere avversario gli nega questa gioia.

Badjie – 6: Venti minuti che bastano per far vedere che le qualità ci sono ma c’è ancora troppa timidezza.

Valotti – s.v.

Sepe – s.v.

Ezio Forziati (squalificato Dionigi) – 5.5: L’errore è l’undici iniziale per l’atteggiamento mostrato più che per gli uomini messi in campo. Nella ripresa si cambia ed è tutta un’altra musica, tanto è vero che il Catanzaro va vicino al pareggio che avrebbe meritato. Da questi ultimi quarantacinque minuti i giallorossi devono ripartire nel futuro.

 

Francesco Calvano

Related posts

Si comincia a ragionare – Il Punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi

Gara sufficiente, ma Sabato è il migliore – Le Pagelle di Calvano

admin

L’attacco punge, la difesa barcolla – Le Pagelle

admin