La Voce del Direttore

Vita amara quella del tifoso giallorosso… – Il punto di Claudio Pileggi

banner

Fa davvero rabbia, stasera, leggere sui tabellini dei risultati Catanzaro-Catania 0-4. Eh sì, perché il netto passivo è frutto di tanti fattori, primo fra tutti la grande ingenuità della squadra giallorossa nel non saper sfruttare il vento a favore nella prima frazione. Ottimo gioco, a tratti davvero piacevole, ma senza quasi mai tentare il tiro da fuori e da ogni posizione, come invece ha saputo fare il Catania nella ripresa (addirittura, una punizione due metri avanti la linea di centrocampo è stata battuta direttamente in porta mettendo in serie difficoltà Nordi che ha deviato in angolo).

Quindi uno 0-4 frutto soprattutto delle solite amnesie difensive puntualmente sfruttate dagli avversari, ma anche dal grande valore del Catania, che ha saputo soffrire nel primo tempo per poi colpire impietosamente col vento a favore. Ma oggi pomeriggio abbiamo colto anche qualche nota positiva. Prima fra tutte, la precisa identità di gioco che mister Pancaro ha saputo dare alla squadra. Poi, la grande prova di alcuni elementi (Maita su tutti è apparso davvero monumentale per tutto l’arco della gara). Da evidenziare il solito arbitraggio discutibile (due netti falli di mano in area avversaria non sanzionati con la massima punizione) e la pochezza dell’organico a disposizione del trainer dell’US. Basta vedere la panchina del Catania per rendersi conto del grande divario. Ma qui entra in ballo la società che dovrebbe rendersi conto delle tante cavolate commesse quest’anno, specie a gennaio, e capire che per vincere bisogna mettere mano al portafoglio. Le umiliazioni subite (si è battuto il record di sconfitte casalinghe, ben sette, nemmeno in serie A era successo) gridano vendetta. Questo è il primo record collezionato dalla nuova proprietà. Fin troppa pazienza continua ad avere questa tifoseria e speriamo che al San Vito, domenica prossima, arrivi almeno una consolazione perché davvero non se ne può più.

 

Claudio Pileggi

Related posts

E ora programmi seri e ambiziosi – Il punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi

Record di umiliazioni – Il punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi

Fare presto – Il punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi