“E’ successo in…” – 35^ giornata

Tutto invariato in cima alla classifica del girone C, con Lecce e Catania destinate probabilmente a giocarsi fino alla fine la promozione diretta in serie B, mentre il Trapani sembra ormai aver perso inesorabilmente terreno.

I salentini battono con il più classico dei risultati il Fondi di Pasquale Luiso che, tuttavia, esce a testa alta dal campo della capolista: il primo è un gran gol dalla distanza di Lepore a metà del primo tempo, mentre il raddoppio arriva solo sul finale ad opera del solito Di Piazza. Il Catania fa suo il match contro l’Akragas, infliggendo un secco 1-3 ai cugini già retrocessi: decidono le reti di Lodi, Curiale e Mazzarani, mentre per i Giganti accorcia le distanze Pastore, alla prima rete con i biancoblù. Un Trapani irriconoscibile pareggia in casa con l’Andria e dice probabilmente addio ai sogni di primo posto: coratini in rete al 5’ con Quinto (beffardo gioco di parole) che di testa batte il portiere Furlan; i granata, una volta raggiunto il pari al 22’ grazie ad una indecisione della difesa pugliese dopo un cross di Palumbo, non sono in grado di siglare il gol vittoria.

Lo scontro diretto per entrare nella griglia playoff tra Sicula Leonzio e Cosenza se lo aggiudica, sia pur di misura, la squadra di Piero Braglia che vìola così il “Nobile” grazie al gol di D’Orazio al 36’ del primo tempo: i Lupi ora raggiungono al quinto posto il Monopoli, sconfitto 2-1 al “Menti” contro la Juve Stabia che raggiunge ora il quarto posto. Di Simeri e Canotto le reti per le Vespe; momentaneo pareggio degli ospiti è opera di Salvemini. Un Rende quantomai discontinuo in questo finale di stagione, cade di misura al “Lorenzon” contro la Casertana al termine di una partita brutta e con poche emozioni: la rete dei Falchetti arriva al 23’ della ripresa a firma di De Rosa. Al “Fanuzzi” gol ed emozioni tra Virtus Francavilla e Matera: squadra salentina in vantaggio nel primo tempo con Anastasi (ancora una volta a segno l’ex giallorosso), ad inizio ripresa segna Tiscione per i lucani, che riescono anche a passare in vantaggio con De Falco su rigore, prima del gol del definitivo 2-2 di Madonia.

Preziosa e meritata vittoria del Catanzaro ai danni del Siracusa: basta un gol di Riggio nel primo tempo per dare serenità alla squadra di Pippo Pancaro, che vede ormai allontanarsi lo spauracchio dei playout e proverà, a questo punto, a sfruttare le prossime gare per accodarsi al treno playoff.

Tre punti fondamentali infine per la Reggina che sbanca il “Ventura” battendo per 2-1 il Bisceglie: si decide tutto nei primi quarantacinque minuti con Sciamanna e Pasqualoni, che rendono vano il temporaneo pareggio di Risolo. Gli amaranto allungano così a quattro punti le distanze dalla Paganese, che osservava il turno di riposo.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti