SI GIOCA CONTRO… Il Siracusa

Sarà il Siracusa domenica alle 14.30 al “Ceravolo”, ad essere l’avversario di turno, in un match che si preannuncia importantissimo sia per i giallorossi, alla ricerca di quei punti necessari a garantire una salvezza meno sofferta rispetto a quella dello scorso anno. I i siciliani, da par loro, puntano a consolidare la posizione in classifica in vista dei playoff, pur in attesa dell’esito del deferimento per irregolarità contributive, che potrebbe portare a nuove penalizzazioni per i Leoni.

 

Il Siracusa è reduce dal turno di riposo settimanale a differenza dei giallorossi, che hanno conquistato un ottimo punto nel derby con il Cosenza: in ogni caso, non è mancata la concentrazione in casa degli azzurri e, testimonianza di ciò, la prevista rifinitura pre-match, si sta svolgendo in queste ore al “De Simone” a porte chiuse, per volontà di mister Bianco, lontano da occhi indiscreti, prima di partire per la Calabria. Negli ultimi quattro incontri, gli aretusei non hanno particolarmente brillato conquistando una sola vittoria (in casa, contro il Monopoli per 3-0) e perdendo rispettivamente contro Catania, Casertana e Matera.

Nelle precedenti due stagioni abbiamo assistito al “Ceravolo” a partite molto combattute e il risultato è stato in bilico fino alla fine, terminato in entrambi i casi 1-0: il 3 dicembre del 2015 lo scontro tra Catanzaro e Siracusa si risolse infatti con la vittoria degli aretusei per 1-0 grazie alla rete segnata da Valente al 33’ minuto, mentre nello scorso campionato, situazioni di classifica pressoché simili a quelle attuali, una rete di Icardi al minuto 18 del primo tempo, regalò i tre punti alle Aquile rilanciando le speranze di salvezza. Nei quattordici precedenti, in totale, all’ex “Militare” (il primo è datato 7 dicembre 1930), il bilancio propende a favore dei giallorossi, con otto vittorie: eclatante, un 10-0 nel ’59, mentre, nella memoria dei catanzaresi resta anche il bel 3-1 del 2009, targato Auteri, che consacrò l’FC al primo posto, dopo la netta vittoria colta a Gela, settimana prima.

Siamo sicuri che domenica sarà un’altra partita combattuta che entrambe le squadre vorranno fare propria, proprio per questo l’esito si presenta ancora una volta incerto. Mister Paolo Bianco potrebbe optare per il 4-2-3-1 con: D’Alessandro in porta; Liotti, Altobelli, Bruno e l’ex Daffara in difesa; Toscano e Spinelli sulla linea mediana; De Silvestro, Catania e Parisi dietro l’atteso ex dell’incontro Vittorio Bernardo, rimasto nei cuori giallorossi per aver risolto con un preciso colpo di testa il derby contro il Cosenza nella stagione 2014-2015, emulando la “mitraglia” di Osvaldo in faccia ai cugini cosentini.

Arbitro dell’incontro sarà Marco D’Ascanio della sezione AIA di Ancona alla sua seconda stagione di Can Pro con un precedente per parte, avendo diretto lo scorso 21 gennaio Juve Stabia-Catanzaro terminata 1-1 con l’espulsione del giallorosso Marin, mentre l’unico precedente con gli azzurri è del campionato di serie D 2015-2016, Sarnese – Siracusa 1-0.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti