Pagelle

Tutti bocciati: male la difesa, Corado nullo – Le Pagelle di Calvano

banner

Nordi 5: Un errore di valutazione in occasione del primo gol, sugli altri ha ben poco da fare. Paga la giornata “no” della difesa giallorossa.

Gambaretti 4.5: Se la difesa prende quattro gol i difensori non possono che essere sotto accusa. Specie se poi, come in questo caso, si regala il terzo gol.

Di Nunzio 4.5: Male anche lui, si perde gli attaccanti etnei troppo spesso.

Sabato 5.5: Spinge poco e alla fine tira i remi in barca anche lui. Grave errore per uno della sua esperienza.

De Giorgi 5: Il Catanzaro prova a spingere soprattutto dalla sua parte e soprattutto nel primo tempo, poi però più nulla. Troppo poco.

Marin 5: Anche lui, come tutti gli altri, va in difficoltà nella ripresa e non incide con la classica grinta.

Spighi 4.5: Conferma di non essere in un buon momento di forma, tutt’altro. Scarseggiano gli inserimenti e la grinta. Si affloscia, troppo, adeguandosial torpore generale.

Zanini 5: L’unico a provarci, ma solo su punizione. Un passo indietro dopo l’ottima prova di domenica scorsa. Ma per lui, come per tutti, conta la caratura dell’avversario.

Maita 4.5: I radar degli spettatori lo cercano ma non lo trovano, lui fa lo stesso con i compagni servendoli poco e male.

Corado 4: Ha l’occasione che potrebbe far svoltare il match ma la sbaglia, dopo il nulla assoluto. Un giocatore davvero troppo altalenante.

Letizia 5: Stavolta nemmeno lui fa e può nulla. Ben contrastato, non riesce a dare al Catanzaro la qualità di cui necessiterebbe.

 

 

Falcone 5: Entra a gara compromessa e non può fare granché per invertire la rotta

Infantino 5: Leggasi Falcone, per i miracoli non si è ancora attrezzato…

Badjie s.v.

Mister Giuseppe Pancaro 4,5: Mister capisca e ci faccia capire, qual è il vero Catanzaro. Certo, l’avversario conta, ma se la difesa sembrava registrata dopo Monopoli, che fine ha fatto col Catania? E poi cerchi di schierare un solo undici titolare, i tempi delle prove sono finite.

 

Francesco Calvano

Related posts

D’Ursi tarantolato, Furlan una diga – Le Pagelle

Cosimo Simonetta

In pochi a salvarsi – Le Pagelle

admin

Si comincia a ragionare – Il Punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi