Auteri e l’US, tra suggestione e realtà

Gaetano Auteri

In principio una semplice suggestione, un’ipotesi. Adesso, una possibilità concreta. I pensieri dei tifosi catanzaresi, nel pomeriggio di ieri, hanno viaggiato sulle montagne russe, con le antenne drizzate e gli occhi sugli smartphone, seguendo l’evoluzione di una “voce” che, addirittura, potrebbe materializzarsi in realtà in avvio di settimana: Gaetano Auteri nuovo allenatore dell’US Catanzaro.

C’è chi dice sia solo un’idea suggestiva, destinata a spegnersi col passare delle ore e chi, invece, parla di un incontro già avvenuto con i vertici societari (presidente e ds), nelle “segrete stanze”. Nulla che, al momento, si possa comprovare con i fatti, però il tutto pare sia destinato ad andare a compimento a breve.

Sì, Auteri, proprio lui, quella figura che “unisce e divide” la città. Tra i migliori allenatori della Serie C, un sergente di ferro che riesce a tirar fuori il meglio dai suoi giocatori proponendo calcio di qualità, il suo ritorno sarebbe accolto con acclamazione da molti e rigettato con fermezza da altri, memori della clamorosa disfatta playoff del 2010, una sciagura sportiva di cui ancora oggi ci si interroga quanto possa essere stata “premeditata” dalla squadra che scese in campo al “Flaminio”, da lui guidata.

Non è dato sapere cosa succederà domani, lunedì. In tutto ciò, quel che è certo, è che le strade dell’US e Pippo Pancaro, chiamato a “salvare capre e cavoli” a marzo, si divideranno: negli ultimi giorni, infatti, si è incrinato il rapporto tra il tecnico di Acri (peraltro legato a Pasquale Logiudice, in virtù di un’amicizia “extra-lavorativa”) e la società, che gli aveva messo sul piatto, nel momento della firma, la possibilità di rinnovare il contratto per una stagione. Invece, la parentesi è destinata a chiudersi prima del previsto, indipendentemente dall’arrivo di Auteri o altri.

 

Commenti

commenti