La Voce del Direttore

Vittoria rinfrancante – Il punto di Claudio Pileggi

banner

Una vittoria rinfrancante, quella contro la Vibonese. Lo stop imprevisto di Rende, condito da una prestazione sicuramente al di sotto delle aspettative, ci aveva preoccupati non poco, e non ne avevamo certo fatto mistero nel nostro pezzo.

Certo, i dubbi sull’effettivo valore della formazione a disposizione di mister Auteri non si possono dire già dissolti, soprattutto riguardo la tenuta atletica, visto che anche martedì sera dopo un terzo di gara si è arrancato non poco, ma si è intravisto sicuramente un confortante miglioramento che fa ben sperare per il futuro, ricordando che le formazioni allenate dal tecnico di Floridia danno di solito il meglio alla lunga distanza. Vogliamo allora chiarire una volta per tutte il nostro pensiero. Noi crediamo che dopo ventotto anni in cui si sono disputati, ahinoi, ben 26 campionati tra C2 e C, e solo due campionati di serie B, tra l’altro fallimentari, la piazza giallorossa non possa più permettersi di attendere programmazioni pluriennali, perché ha fretta, maledettamente fretta (come del resto dichiarato anche da mister Auteri nel dopo Rende).

Questa nuova società sta ben lavorando, e non abbiamo difficoltà ad ammetterlo, sotto il piano dell’organizzazione generale: lo stadio; il settore giovanile; il marketing; l’ufficio stampa… tutto ok. Però è la prima squadra quella a cui dedicare il massimo sforzo. Mentre lo scorso anno si è parlato di campionato di transizione (trasformatosi però spesso in umilianti sconfitte specie casalinghe) quest’anno si è apertamente dichiarato di voler puntare in alto. E allora ci saremmo aspettati un organico che potesse supportare maggiormente queste ambizioni, convinti come siamo (e speriamo di cuore di essere smentiti) che esistano invece delle carenze che non consentono, al momento, di ambire alla vittoria del campionato, con conseguente promozione. Certo, innegabilmente questa squadra è nettamente superiore a quello dello scorso campionato, a cominciare dal tecnico per finire al terzo portiere, e certamente non farà temere la tifoseria di dover disputare i playout.

Però, ripetiamo, occorre qualcosa di più, perché vogliamo finalmente tornare a vincere e per vincere non basta nemmeno il secondo posto. Noi siamo il Catanzarorecita uno dei cori più amati dalla magnifica tifoseria giallorossa. Appunto.

 

Claudio Pileggi

Related posts

Entusiasmo, ma piedi per terra – Il Punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi

E’ crisi? – Il Punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi

“La Voce del Direttore”: Ultimo posto? Logica conseguenza

Claudio Pileggi