SI GIOCA CONTRO… La Paganese

Appena cinque mesi fa al Marcello Torre andava in scena l’ultimo atto di una stagione deludente per entrambe le squadre: sfida quantomai inutile per la classifica, con il Catanzaro ormai salvo, mentre la Paganese era già consapevole che il proprio destino in serie C sarebbe passato dalla doppia sfida playout con il Fondi (poi vinta). Il risultato della gara non poté essere che uno scontato, quanto noioso, 0-0: la fine di un campionato di sofferenza per le Aquile, guidate da Pancaro al tempo.

Il Catanzaro si ripresenta a Pagani, forte dei precedenti a suo favore, grazie a tre vittorie, due pareggi ed una sola sconfitta. Nella stagione 2016/2017 Zanini e Icardi regalarono tre punti ai giallorossi di mister Zavettieri, con l’ex Firenze autore del temporaneo pareggio. L’anno prima, partita nel ricordo di Angelo Mammì a quindici anni dalla sua scomparsa, per motivi calcistici nei cuori di entrambe le tifoserie e fu sempre 2-1 per i giallorossi che, nonostante le espulsioni di Moi e Bernardi, riuscirono a ribaltare il gol iniziale di Agnello grazie alle marcature di Cunzi e Razzitti. L’unica vittoria della Paganese risale alla stagione 2014/2015 e fu un gol di Calamai a decidere l’incontro.

Cesaretti

Paganese attualmente tra le ultime posizioni di classifica, poco rinfrancata dal primo punto conquistato a Potenza domenica scorsa grazie ad un gol di Piana che ha risposto al vantaggio dei lucani. Un pareggio in ogni caso conquistato a caro prezzo in virtù delle squalifiche e degli infortuni rimediati dalla compagine azzurrostellata. L’assenza più pesante sarà quella di Cristian Cesaretti, il giocatore più esperto dei campani che per colpa di una distrazione muscolare al bicipite femorale rimarrà lontano dai campi di gioco per un po’ di tempo. Anche il capitano Francesco Scarpa non potrà essere della gara, appiedato per un turno dal Giudice Sportivo insieme al difensore Diop ed al giovane attaccante Raffaele Verdicchio. Completano la lista degli assenti il lungodegente Musacci e Giuseppe Fornito, anche lui uscito malconcio dal match di Potenza.

Insomma un’occasione che sembrerebbe ghiotta per il Catanzaro, reduce dalla bella vittoria in Coppa con il Rende, ma fa bene mister Auteri a mettere in guardia i suoi dalla Paganese avendo ribadito, prima di partire per Pagani, il fatto che non esistano “gare abbordabili” ed il Catanzaro “non giocherà mai solo”.
La Paganese in panchina quest’anno è ripartita da Luca Fusco, ex capitano azzurrostellato dal 2010 al 2013 e secondo di Grassadonia nelle precedenti esperienze da allenatore. Il mister dei campani dovrà fare di necessità virtù viste le tante assenze e nel suo probabile 3-5-2 dovrebbero trovare spazio: Galli in porta; Tazza, Piana ed Acampora in difesa; Carotenuto e Della Corte sulle fasce con Sapone in cabina di regia supportato da Gaeta e Nacci; coppia d’attacco Parigi ed Alberti.
Arbitro dell’incontro che avrà inizio alle 14.30, il piemontese Alessio Clerico: nessun precedente per lui con entrambe le squadre.

Commenti

commenti