SI GIOCA CONTRO… Il Catania

Ad anno esatto dall’ultima sfida ai piedi dell’Etna, il Catanzaro rende visita alla super favorita del campionato, il Catania. Era infatti il 12 novembre 2017 quando un preciso colpo di testa di Cristian Cacetta (unica rete in rossoazzurro) ad inizio ripresa decise una sfida nel complesso equilibrata: il Catania proseguiva così l’inseguimento alla capolista Lecce, mentre il Catanzaro continuava il suo percorso in campionato nel segno della discontinuità.

Poi di mezzo l’estate infinita per gli etnei, appesi alla speranza di un ripescaggio, con le decisioni dei vari organi di giustizia che si sono resi protagonisti di una tragicomica guerra di sentenze, con l’esito finale per il Catania costretto ad affrontare un nuovo campionato di serie C. Ma la storia sembra sia destinata a continuare nei Tribunali se alle parole del DS Lomonaco che ha parlato di richiesta di 12 milioni di euro di risarcimento danni per i disagi subiti, dovessero seguire i fatti.

Elefanti ed Aquile, di nuovo contro al “Massimino” tra poche ore: il bilancio è decisamente a sfavore dei giallorossi che tra campionato e Coppa Italia – dal 1946 ad oggi – hanno perso in sedici occasioni e vinto solo tre volte; nel mezzo cinque pareggi. Il dato diventa ancora più preoccupante per i giallorossi se si considera che le ultime sette sfide consecutive sono state vinte dagli etnei, mentre l’ultima vittoria dell’US risale a ben trentasette anni fa: un rotondo 0-4 in un incontro di Coppa Italia. Ma domani il Catanzaro avrà un jolly in più da schierare, ossia Gaetano Auteri, vera e propria bestia nera degli etnei: nelle sette sfide finora disputate a Catania dalle formazioni da lui allenate, il tecnico siculo ha perso solo in un’occasione, ottenendo tre vittorie e tre pareggi. Ma a rendere il quadro ancora più amletico a livello statistico, ci pensa il mister rossoazzurro Sottil che, a sua volta, nei cinque confronti contro il tecnico di Floridia non ha mai perso.

Insomma quella di domani sarà una gara tutta da gustare: valevole per l’undicesima giornata di campionato, il Catania è reduce dal derby infrasettimanale disputato contro il Siracusa, a recupero della seconda giornata, risolto per gli etnei da Biagianti a due minuti dalla fine che ha regalato il quinto centro consecutivo alla squadra di Sottil. Il Catania si avvicina sempre più alla vetta della classifica, unico vero obbiettivo. Il Catanzaro è invece reduce dalla poco convincente prestazione contro il Bisceglie da cui è maturato un deludente pareggio. Gara dunque aperta ad ogni risultato anche se innegabilmente il Catania partirà con il favore del pronostico, forte di una rosa molto competitiva tra le cui fila spicca il nome del bomber Marotta e del forte fantasista Lodi.

Il 4-2-3-1 sarà lo scacchiere: l’ex Pisseri in porta; Calapai, Aya, Silvestri e Ciancio in difesa; Bucolo e Biagianti in mediana con Scaglia, Lodi e Marotta alle spalle di Curiale.

Arbitro dell’incontro sarà il De Angeli di Abbiategrasso, coadiuvato dagli assistenti Dibenedetto e Pappagallo. Inizio ore 14.30

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti