Ad un Fischnaller strepitoso la palma del migliore in campo – Le Pagelle

Furlan 7
Sarebbe una classica partita da 6 in pagella ma l’intervento ad inizio gara sul tiro da fuori area di Catania e il potente rinvio da cui nasce nella ripresa il terzo gol del Catanzaro, gli garantiscono anche oggi l’inserimento tra i migliori dei giallorossi

Riggio 6,5
Non sbaglia un pallone, anche perché non prende mai iniziative rischiose. Attento a e suo agio come centrale nella difesa a tre, si difende con ordine dalle iniziative del Siracusa

Signorini 6
Dopo due mesi rientra in campo dall’inizio e paga probabilmente l’emozione oltre ad uno stato di forma per forza di cose non ancora al top. Il cartellino giallo rimediato ingiustamente nel primo tempo, oltre a far infuriare Auteri in panchina, ne limita la prestazione

Celiento 6
Forse la partita dove è apparso meno brillante tra quelle disputate finora dove è sempre stato impeccabile: è sua l’ingenuità sul gol di Tiscione, la veloce verticalizzazione degli avversari gli fa perdere la posizione di quel tanto che basta da non riuscire più a fermare il n.21 aretuseo

Iuliano 7
Dei due di mezzo, come sempre, è quello che fa più lavoro sporco, lasciando a Maita il compito di impostare le azioni e qualche break in più nella metà campo avversaria. Da un scambio con il capitano nasce il gol del raddoppio

Maita 7
Ormai è il punto di riferimento fondamentale nello scacchiere giallorosso, accende la luce ogni volta che si spinge in avanti dimostrando sotto la cura Auteri di essere pronto a quel salto di qualità che da anni tutti si aspettano. Protagonista nell’azione del raddoppio di Fischnaller

Favalli 6,5
Impeccabile come esterno sia quando si propone con i suoi cross che mettono sempre in difficoltà le difese avversarie, sia quando è costretto a ripiegare non facendo rischiare quasi nulla ai compagni in difesa

Statella 7,5
E’ tra le maggiori fonti di gioco del Catanzaro: sempre al posto giusto, quando parte nella sua zona preferita sono dolori per gli avversari che chiudono con molto affanno su di lui. Da applausi nel finale quando con una giocate delle sue fa perdere i giri a Bruno

Giannone 7
Giocatore che sa sorprendere, diventa imprevedibile nelle sue giocate e palla al piede è un serio pericolo per la retroguardia avversaria: la gioia incontenibile per il gol tanto atteso (non segnava dalla trasferta di Catania) gli procura un cartellino giallo per la maglia che toglie prima della corsa sotto la “Capraro”

Fischnaller 8
Giornata da incorniciare: due gol, il secondo di pregevolissima fattura (controllo di tacco e precisa conclusione nell’angolo dove il portiere non può arrivare), pressing, grinta e ottima mira come nell’occasione della sua prima marcatura. Partita impeccabile da giocatore di categoria superiore

D’Ursi 7
Giocatore davvero interessante, sta confermando quanto di buono ha fatto vedere nella scorsa stagione tra le fila del Bisceglie: ispirato, con i suoi inserimenti mette in difficoltà sin dall’inizio la difesa aretusea che è costretta a capitolare dopo un suo potente destro che Messina non riesce a trattenere lasciando Giannone libero di concludere di testa

 

 

 

Kanoute 6,5
Entra bene, partecipa all’azione e va vicino al gol con una delle sue solite progressioni, anche se il tiro questa volta è impreciso. Ormai idolo della tifoseria

Eklu 6,5
Impressiona la foga che mette in campo ogni volta che Auteri gli concede la possibilità di farlo: giocatore potente fisicamente e tecnicamente dotato, potrà dire la sua nel girone di ritorno

Repossi 6
Altra freccia nell’arco di Auteri, riesce con la sua velocità a mettere in difficoltà gli avversari come nel finale di gara quando riesce a tagliare molto bene la retroguardia azzurra concludendo quasi a colpo sicuro ma Messina questa volta è bravo e anche fortunato nel negargli con i piedi la gioia del gol

Ciccone 6

Il suo compito lo fa sempre, mette nuova vivacità con il suo ingresso in campo anche se non ha a disposizione palloni giocabili

Lame S.V.

 

Mister Gaetano Auteri 7,5
Vittoria meritata per la “sua” creatura che ha dominato la gara per tutti i novanta minuti denotando una buona condizione ed un ottima intelaiatura. Capace di far affrontare con il piglio da grande squadra ogni partita, disegna un 3-4-3 quantomai dinamico ed avvolgente, affidandosi ad una intelligente rotazione nei ruoli dove può concederselo, mentre mantiene pressoché invariato l’assetto base, cosa che gli sta assicurando continuità di prestazioni e risultati. In avanti dopo venti minuti, gestisce la gara senza rischiare nulla ottenendo il decimo risultato utile consecutivo in vista di un girone di ritorno che si preannuncia – a questo punto – ad alto contenuto emotivo

Commenti

commenti