Furlan e Kanoute ancora decisivi – Le Pagelle

Furlan 6,5
Non è un caso che il Catanzaro non abbia subito gol per quattro gare, ovvero dal momento del suo arrivo in squadra: nel primo tempo salva su Tumbarello un gol che sembrava già fatto, nella ripresa è prodigioso su Bettini deviando il tiro diretto all’angolino basso. Anche sul vantaggio ospite era stato bravo ad opporsi alla prima conclusione ravvicinata di Heatley, ma non può nulla sul tap-in vincente di Lia

Riggio 6
Fa valere i suoi centimetri per quanto gli attaccanti della Cavese impensieriscano – e non poco – la retroguardia giallorossa con veloci ripartenze

Nicoletti 5
Il più in difficoltà nel trio difensivo di Auteri: è chiaro che si adatta alla posizione perché molto più a suo agio da esterno alto. In ogni caso, pesa l’errore sulla trequarti dove perde ingenuamente palla e innesca la ripartenza della Cavese che porta al vantaggio di Lia

Celiento 6,5
L’intervento in anticipo su Heatley nella ripresa sulla respinta corta di Furlan vale un gol: prezioso come sempre, dimostra di essere insostituibile in quella posizione

De Risio 5,5
Al rientro dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori per qualche gara, non è sembrato ancora al meglio. Deve riacquistare la condizione che gli aveva permesso di scalare le gerarchie a centrocampo

Iuliano 5,5
Anche lui delude rispetto alle precedenti prestazioni: forse ancora provato dal derby di mercoledì, arriva al tiro in un paio di occasioni ma è impreciso

Statella 6,5
Aziona il turbo in più di un’occasione e beneficia dell’ingresso di Ciccone che gli crea spazi sulla fascia: è suo l’assist per il gol del pareggio di Kanoute

Favalli 5,5
Tra i più propositivi nel primo tempo, ma anche tra i più imprecisi: fosse stato più lucido quando si è trovato solo davanti a De Brasi, probabilmente la partita avrebbe preso un’altra piega

Giannone 5,5

Auteri lo ripropone dall’inizio e nella prima parte della gara ripaga la fiducia del mister innescando veloci ripartenze sulla fascia sinistra. Il campo in quelle condizioni di certo non lo aiuta e cala vistosamente nella ripresa

Fischnaller 6
Non siamo d’accordo con chi è rimasto deluso dalla sua prestazione: sicuramente ci si aspetta molto da lui ma con la Cavese ha dato dimostrazione di essere anche abile rifinitore. Molto bella infatti la verticalizzazione che mette Favalli davanti al portiere nel primo tempo, ripetendosi subito dopo quando mette nuovamente il compagno in condizioni di concludere a rete. Nella ripresa va vicino al gol con una veloce ripartenza conclusa con un preciso tiro di sinistro che De Brasi devia in angolo

Infantino 5
Dopo il gol vittoria nel derby, era atteso da una conferma. Ben chiuso dai due marcatori centrali della Cavese non riesce quasi mai a rendersi pericoloso sotto porta

 

 

 

Eklu

Maita 6,5
Con il suo ingresso in campo, la manovra del Catanzaro ne beneficia in fluidità e arriva immediatamente il pareggio. Anche per colpa dell’atteggiamento eccessivamente ostruzionistico degli avversari non era facile entrare in partita ma ci prova fino alla fine a trovare l’intuizione giusta da tre punti

Kanoute 7
Probabilmente il più in forma tra gli attaccanti a disposizione di Auteri, gli bastano dieci minuti per buttarla dentro: come un condor in area di rigore è abile a sfruttare il cross di Statella anticipando tutti con straordinario tempismo

Ciccone 6
Non dà punti di riferimento e questo lo rende imprevedibile nelle giocate: da una sua intuizione nasce il corridoio per Statella per il gol del pareggio

Eklu 6
Giovane molto interessante, mette fisico ed energia in tutti gli interventi e difficilmente gli avversari riescono a superarlo. Va anche vicino al gol con un tiro dal limite dell’area che viene deviato in angolo

Repossi sv

Mister Gaetano Auteri 6
Prova giustamente a fare un po’ di turn over visto che il Catanzaro è costretto a giocare la terza gara in soli sette giorni, ma non convincono pienamente alcune scelte iniziali. Forse sperava in qualcosa in più da chi ha avuto l’opportunità di partire dall’inizio, ma non era obiettivamente facile giocare su un terreno così pesante che ha condizionato i giocatori più tecnici e privilegiato l’agonismo. La rosa a disposizione gli consente in ogni caso di provare più soluzioni durante la gara e se non riesce a completare la rimonta contro la Cavese può ritenersi ugualmente soddisfatto della precisa identità che sta riuscendo a dare a questa squadra, che da sette turni non esce sconfitta dal campo. In sala stampa ha giustamente criticato l’atteggiamento – oltre i limiti – ostruzionistico degli avversari, tanto da dichiararsi favorevole all’eventuale introduzione nel calcio del “tempo effettivo” che eviterebbe inutili polemiche durante e dopo la partita.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti