Kanoute, pesa il rigore sbagliato – Le Pagelle

Furlan 6,5
Si fa rimpiangere dai suoi ex tifosi quando devia sul palo il rigore tirato da Evacuo. Si ripete nella ripresa nell’azione del 2-1, quando di istinto si oppone all’incornata e sulla successiva mischia subisce un fallo che l’arbitro ignora. Coperto probabilmente dalla barriera, non vede partire la palla sulla punizione di Taugourdeau che vale il temporaneo pareggio

Celiento 6
Nel primo tempo si segnala in positivo in almeno in due occasioni, quando si fa trovare pronto a liberare dopo la respinta di Furlan sul calcio di rigore e poi con una splendida diagonale nega in scivolata il gol ad Evacuo dopo un’ottima cavalcata dalla destra di Dambros. Nella ripresa mantiene la lucidità fino alla fine

Riggio 6
E’ un duello di forza quello che ingaggia con Evacuo dall’inizio alla fine e riesce nel complesso a contenerlo, anche se ne fa le spese nel secondo tempo guadagnando un altro giallo. Il suo impegno però non basta per evitare una dolorosa quanto ingiusta sconfitta

Lame 5
Il più in difficoltà tra i difensori giallorossi. Spesso fuori posizione, lascia la sua corsia scoperta: il Trapani se ne accorge e finché rimane in campo affonda sistematicamente dalle sue parti. Procura il calcio di rigore su Evacuo con un intervento aereo scomposto

Maita 6
In alcune occasioni eccede in inutili fronzoli che gli fanno perdere ingenuamente palla, dando origine a pericolose ripartenze del Trapani. L’impressione però che con la sua uscita si sia spenta la luce tra i giallorossi

Iuliano 5,5
Solita partita di contenimento, ingaggia una bella lotta con i centrocampisti avversari che esercitano un ottimo pressing mettendolo in difficoltà nei passaggi che, soprattutto nella ripresa, peccano di precisione

Kanoute 6
Difficile obiettivamente dargli un giudizio, considerato che – fino al rigore sbagliato – sarebbe stato ancora una volta il migliore in campo. Si procura entrambi i rigori con la solita velocità di esecuzione che lo rende imprevedibile, purtroppo l’errore fatale dal dischetto porta il peso di questi punti ingiustamente lasciati in Sicilia

Statella 6
Ad inizio gara trova gli spazi giusti per affondare dalla destra, poi gli avversari ne prendono le misure e lo contengono. Si fa apprezzare in fase difensiva ripiegando con i tempi giusti

D’Ursi 6
Protagonista nell’azione del primo rigore, è suo infatti lo scambio con Kanoute prima che l’ex Benevento subisca il fallo sanzionato dall’arbitro. Prova nel complesso positiva anche se è apparso meno ispirato rispetto alle precedenti uscite

Favalli 5,5
Soprattutto nel primo tempo soffre sulla sua corsia le discese di Scrugli e Dambros che, insieme al suo compagno Lame, non riesce a contenere in più di un’occasione. Va meglio con l’ingresso di Nicoletti con il quale trova i tempi giusti negli interventi

Fischnaller 5,5
Alla mezzora ha sui piedi la palla del possibile 2-0 ma non colpisce bene e permette a Dini di salvarsi in angolo. Non si vede molto nelle azioni offensive dei giallorossi finendo per essere sostituito nella ripresa

 

 

 

Nicoletti 6
Entra al posto dell’infortunato Lame a metà del primo tempo ed è positivo l’impatto alla gara, tenendo bene la posizione e reggendo il duello con gli avversari ai quali concede poco

Ciccone 5,5
Non trova lo spunto giusto per quanto faccia a sportellate con i difensori granata, che tuttavia riescono a limitarne la pericolosità nella mezzora in cui rileva D’Ursi

Giannone 5,5
Anche lui stenta ad entrare in partita, per quanto non sia ben servito dai compagni: sistematicamente raddoppiato dagli avversari che, conoscendo bene le sue qualità, non gli concedono lo spazio giusto per la conclusione

Eklu 5,5
Si distingue per un impatto alla gara irruento. Per quanto cerchi di far valere la sua fisicità sembra in ritardo negli interventi sugli avversari finendo col perdere i duelli

Repossi 5,5
Auteri gli concede gli ultimi scampoli di partita: collocato sulla corsia sinistra, non riesce ad incidere sulla gara nonostante i compagni cerchino di sfruttare la sua velocità, ma è sempre ben controllato dalla difesa avversaria

Mister Gaetano Auteri 6
Ormai è risaputo il suo scarso gradimento nei confronti delle direzioni arbitrali, che quest’anno sembrano penalizzare molto le prestazioni e i risultati della sua squadra. D’altronde come dargli torto: il vantaggio del Trapani è un’invenzione del signor Sozza di Seregno che oltre a non vedere la carica subita da Furlan, concede il gol nonostante la palla non abbia varcato la linea di porta. Certo, se Kanoute fosse riuscito a realizzare anche il secondo rigore, le Aquile sarebbero quasi sicuramente uscite con i tre punti dal “Provinciale” e a quest’ora non basterebbero parole di lodi al mister. Vorrà dire che, se si crede davvero al salto di categoria, bisognerà attrezzarsi per essere più forti anche degli episodi negativi che sembrano accanirsi contro il Catanzaro.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti