SI GIOCA CONTRO… Il Siracusa

Dopo il pareggio sul pantano di Matera, il Catanzaro ritorna al “Ceravolo” dove ospite sarà il Siracusa di Ezio Raciti, che ha ripreso in settimana le redini della squadra aretusea dopo averla lasciata da “secondo” circa un mese fa in occasione del (breve) avvicendamento tra Peppe Pagana e Michele Pazienza. Durante la conferenza stampa prima di partire per la Calabria, Raciti ha espresso la voglia di provare a fare risultato già in questo difficile banco di prova e per quanto consapevole di affrontare una trasferta sulla carta proibitiva, ha chiarito che <<non verrà a Catanzaro a fare l’agnello sacrificale>>. Obiettivo principale, ripagare la fiducia concessa dalla società azzurra.

Lo scorso anno il Siracusa concluse il campionato in dodicesima posizione con lo stesso punteggio (42 punti) dei giallorossi, ma senza le tante penalizzazioni avrebbe concluso a ridosso delle prime in classifica. Attualmente è quintultimo con 14 punti (-1 di penalizzazione), frutto di quattro vittorie e tre pareggi in quindici partite. Nei precedenti, il “Ceravolo” ha sempre rappresentato un tabu per gli aretusei che hanno perso in dieci occasioni, pareggiato cinque volte senza mai vincere. Negli ultimi due campionati identico il risultato di 1-0 a favore dei giallorossi: nella scorsa stagione fu Riggio di testa al 23’ a risolvere la gara in favore delle Aquile, mettendo una seria ipoteca sulla permanenza in Serie C. Nella stagione 2016-2017 fu invece Icardi al 18’ a regalare tre punti d’oro ai giallorossi, anche allora alla ricerca di punti salvezza.

Un Siracusa tutto da scoprire questo targato Raciti intenzionato a schierare la formazione con il 3-4-2-1 e in attacco molto dipenderà dalle condizioni fisiche di Tiscione, in settimana ufficializzato come primo rinforzo tra le fila dei Leoni (per lui un ritorno con la casacca azzurra dopo quattordici anni) e risulta tra i ventidue convocati: in porta Gomis (protagonista di un finale di gara acceso con la maglia della Paganese al “Ceravolo”, lo scorso anno); Di Sabatino, Turati e Bruno in difesa; Tuninetti, Franco, Mustacciolo e l’ex giallorosso Daffara a centrocampo; attacco dall’accento “siculo” con Palermo e Catania affiancati dall’ultimo arrivato Tiscione (in alternativa è pronto Rizzo).

La gara valevole per la 18^ giornata avrà inizio alle ore 16.30 e sarà diretta da Maranesi di Ciampino: nessun precedente con i giallorossi mentre ha già arbitrato due volte il Siracusa che in entrambe le occasioni ha vinto.

 

Danilo Ciancio

Commenti

commenti