Partite

Il Catanzaro espugna Catania e passa il turno: 1-2 al “Massimino”

banner
Gaetano Auteri è la bestia nera del Catania. Dato inconfutabile. Anche in Coppa Italia, il tecnico giallorosso entra da padrone sul campo storicamente ostico per i colori giallorossi.
A sorpresa, il trailer di Floridia rinuncia a Bianchimano e lancia D’Ursi con Ciccone e Giannone in attacco. In difesa c’è Riggio, panchina per Lame.

Classica gara di Coppa Italia, con le squadre evidentemente concentrate più sugli imminenti impegni di campionato. Ritmi blandi, leggero predominio del Catania trascinato dal debuttante Sarno. Il Catanzaro si limita a contenere e ripartire. Tra gli etnei provano Aya, Sarno, Curiale, ma Elezaj è reattivo sull’ex Bucolo dopo un’uscita non impeccabile su Marchese il quale, in seguito, prova sugli sviluppi di un corner ma stavolta il portiere è bravo. Il Catanzaro risponde con un rasoterra De Risio dalla distanza, ma Pulidori devia sul palo. Senza esito D’Ursi da una parte e Angiulli dall’altra finché i giallorossi trovano il vantaggio con un gran gol di Eklu al 41’ il quale, da una rimessa laterale dai venti metri, dipinge un tiro-cross ad effetto che sorprende tutti e scavalca Pulidori.
Al 51’ pareggia il Catania: Riggio e Nicoletti “lisciano” un traversone di Marchese che attraversa tutta l’area e arriva a Sarno, il quale rimette in mezzo per Curiale, solo davanti Elezaj. Poco dopo frittata di Elezaj che, in seguito ad un retropassaggio, si fa rubare palla da Curiale, ma l’attaccante etneo, a porta vuota, manda fuori! Centrale il bel sinistro al volo di Marchese successivamente. Al 68’ contropiede dell’US, Giannone serve Ciccone che, da ottima posizione, spreca tutto mandando alto. Il preludio al gol perché al 73’ il Catanzaro si riporta in vantaggio con Bianchimano, da poco entrato: giornataccia per i portieri, Pulidori replica la papera di Elezaj, così il lungo attaccante scippa la palla e insacca a porta sguarnita. Potrebbe triplicare Ciccone un minuto più tardi, ben servito da Statella, ma è ancora alto. Di un soffio alta una punizione dal limite di Lodi all’89. Nel recupero altra uscita avventata di Elezaj che fortunatamente non sortisce effetti. Al termine dei cinque minuti di recupero, l’estremo difensore ospite chiude su Menneh. Non succede altro, il Catanzaro espugna per la seconda volta il “Massimino” e accede agli Ottavi di Finale.

 

Related posts

Catanzaro VS Akragas – La Photogallery

Cosimo Simonetta

Tra poco Foggia-Catanzaro: assetto inedito per i giallorossi

Cosimo Simonetta

Aquile, eccolo l’episodio! Akragas battuta 1-0 nel finale

admin