Vuoi la tua pubblicità qui? Contattaci

Partite

Catanzaro ancora “forza 4”: asfaltata la Paganese

banner

Tre punti dovevano essere e così è stato. Primo tempo chiuso in vantaggio per 2-1 grazie ai gol di Giannone e Eklu, mentre Acampora accorcia. Travolgente l’impatto di D’Ursi nella ripresa: segna 2 gol che mettono in cassaforte il risultato e procura anche l’espulsione di Piana.

Tante assenze dal campo: Catanzaro senza Bianchimano, Kanoute e Fischnaller oltre allo squalificato Riggio, Paganese senza capitan Scarpa e Cesaretti. Debutto al “Ceravolo” per Casoli dinanzi a 5 mila spettatori circa. Minuto di silenzio per ricordare Massimo Luppino, grande tifoso giallorosso scomparso di recente e per le vittime dell’incendio nel centro sportivo del Flamengo.

E come a Reggio Calabria, partenza-gol: solita discesa dalla destra di Statella, cross sporcato che finisce sul sinistro di Giannone che al volo insacca. Dopo 1 minuto è già 1-0 per i giallorossi. Annullato il raddoppio al 5’ a Nicoletti per fuorigioco sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Pericolo per la difesa giallorossa al 24’ con Parigi anticipato solo all’ultimo da un provvidenziale Furlan.

Raddoppio dei giallorossi al 28’ che con 4 passaggi portano Eklu al tiro: ripartenza di Maita tra le linee per Giannone, palla a Statella che la mette dentro per l’accorrente n. 16 giallorosso che sigla il 2-0!

Paganese che al 30’ accorcia le distanze sugli sviluppi di un calcio d’angolo con Acampora che segna il 2-1. Ciccone ci riprova di sinistro al 36’ ma Santopadre riesce a respingere. Casoli, ispirato, vicino al gol al 43’, conclusione di poco fuori. Termina con 1 minuto di recupero il primo tempo dove c’è stato tanto Catanzaro in campo.

Ripresa con la novità De Risio al posto di Eklu e giallorossi a favore di vento. Subito alle corde la Paganese: Giannone guadagna al 47’ una punizione dal vertice destro che Santopadre respinge. Signorini vicino al gol subito dopo di testa, palla alta e nell’azione a seguire è sfortunato Ciccone con una conclusione a giro nel prendere il palo pieno. Doppio cambio al 58’ per le Aquile: dentro D’Ursi e Figliomeni per Ciccone e Signorini. Furlan provvidenziale al 60’, per due volte consecutive nega il pareggio alla Paganese chiudendo prima su Della Corte e poi di riflesso coi piedi su una conclusione di Nacci.

Ma ci pensa D’Ursi da poco in campo a chiudere la partita con una doppietta flash: al 65’ ricevuta palla in area di rigore da posizione defilata non perdona e trafigge per la terza volta Santopadre. Subito dopo al 66’ il folletto giallorosso si ripete e segna il 4-1.

Finisce con tre minuti di recupero la partita: occhi puntati ora al big match di mercoledì a Castellamare.

 

Danilo Ciancio

Related posts

Débacle a Frosinone: al “Matusa” le Aquile perdono 3 a 0

Cosimo Simonetta

Sport 360 – Supercoppa Europea pirotecnica: vince il Barça 5-4 ai supplementari

admin

Sport 360 – Tim Cup 2015/16, si comincia domenica 2 agosto

admin