Pagelle

Andata da dimenticare, prova insufficiente – Le Pagelle

banner

Furlan 5
L’errore sul gol del vantaggio non è da lui, si fa beffare sul suo palo da un tiro secco e preciso ma che non sembrava irresistibile. Per il resto non deve esibirsi in interventi particolarmente complicati
Figliomeni 5,5
Qualche indecisione anche se nel complesso non concede molto agli attaccanti lombardi. Da lui, comunque, ci si attende qualcosa di più in termini di affidabilità
Signorini 5,5
Pesa tantissimo sul suo giudizio il fallo ingenuo che, oltre a costargli il giallo, porta al vantaggio dei Leoni: peccato perché nella ripresa è protagonista di due interventi in chiusura prodigiosi, prima su Maiorino e poi su Scarsella, lasciando ancora aperta la possibilità di qualificazione per i giallorossi
Celiento 5,5
L’appoggio stranamente sbagliato proprio ad avvio di gara è un segnale premonitore di quella che sarà la prestazione sua e di tutta la squadra: non manca tuttavia l’impegno e soprattutto nel primo tempo è il giocatore più pericoloso dalle parti di De Lucia
Maita 5,5
Capitano sottotono, neanche un’intuizione degna di nota nei 90 minuti. Segnale preoccupante in vista della partita di ritorno?
De Risio 6
Con gli spazi chiusi, scala spesso a ridosso della linea difensiva nel tentativo di far ripartire l’azione dei giallorossi ma soffre tanto anche lui la pressione che mister Zenoni ha disegnato nella zona nevralgica del campo
Iuliano 5,5
Sovente viene preso in mezzo ai palleggiatori verdeblu arrivando in ritardo sul pallone. Ottima apertura per Bianchimano in avvio di gara, poi non trova lo spazio giusto negli inserimenti. Esce per dar spazio a Giannone
Favalli 5,5
Prestazione anonima resa meno grigia dalla bella diagonale che consente nella ripresa di evitare il gol del raddoppio dei padroni di casa. Costretto ad uscire per infortunio
Statella 5,5
Stranamente impreciso anche lui, soffre probabilmente l’iniziale cambio di modulo per quanto non siamo abituati a vederlo esibire in allunghi imprecisi e mal calibrati. Il Catanzaro ha bisogno di ritrovarlo e in fretta
Fischnaller 6,5
Il più propositivo dei suoi: parte spesso tra le linee nel tentativo di spaccare la difesa attenta dei Leoni, illuminato nei passaggi filtranti purtroppo sprecati malamente dai compagni, cerca il gol nel finale con un buon destro da fuori ma De Lucia è attento
Bianchimano 5
Parte bene con un fendente da fuori area che l’ex portiere giallorosso fa in tempo a smanacciare in calcio d’angolo. E’ l’unica sua conclusione degna di nota in una gara in cui non riesce a rendersi più pericoloso. E’ spesso al suolo, dimostrando una non perfetta condizione fisica, ed è costretto ad uscire per un colpo subito


Giannone 5
Entra quando manca mezz’ora al termine e chi si aspettava con il suo ingresso la svolta, rimane deluso: anche lui fagocitato dalla prestazione mediocre di tutta la squadra, i suoi avversari sistematicamente gli raddoppiano la marcatura rendendogli vano ogni tentativo di provare almeno il tiro
Ciccone 5
Sostituisce Bianchimano ad un quarto d’ora dalla fine e riesce nella difficile impresa di farlo rimpiangere
Nicoletti S.V.

Mister Gaetano Auteri 5
Certo, la sfida va giudicata al termine dei 180 minuti ma il Catanzaro visto a Salò lascia più di una preoccupazione in vista del ritorno. Squadra senza grandi idee, a tratti apparsa stanca oltre che distratta e imprecisa come nelle peggiori performance stagionali (vedi Bisceglie o Rieti). Per lunghi tratti in balia della superiore organizzazione degli uomini di Zenoni che, pur senza impressionare, capitalizzano la partita d’andata. Aver optato per un modulo tre centrocampisti, lasciando per gran parte della gara due attaccanti spesso isolati ed il solo Statella libero di inserirsi, è una scelta che non ha pagato. A poco serve l’attenuante del precario stato di forma di D’Ursi e Kanoute, risparmiati. Punito da un’ingenuità difensiva, l‘obiettivo di uscire indenne dal “Lino Turina” non è stato raggiunto: mercoledì non si può più sbagliare, servirà una vittoria che è sì alla portata dei giallorossi, ma a patto di ritrovare il “vero” Catanzaro. Sarebbe un peccato doversi fermare proprio adesso.

 

Danilo Ciancio

Related posts

Statella inventa il jolly da tre punti – Le Pagelle

admin

Kanoute, pesa il rigore sbagliato – Le Pagelle

admin

Nordi a testa alta, male Onescu – Le Pagelle di Calvano

admin