Probabile formazione

De Risio chiude con una grande prestazione – Le Pagelle

banner

Furlan 6
Non ha colpe in nessuno dei gol: sulla conclusione di Pesce tra l’altro un avversario sembra anche coprirgli la visuale in posizione di fuorigioco, mentre sul colpo di testa di Legati il giocatore è lasciato inspiegabilmente solo davanti a lui
Figliomeni 5,5
Soffre Caracciolo sin dai primi minuti: l’ex Brescia di testa riesce ad anticiparlo con troppa facilità, si infortuna nel momento topico della gara finendo per cedere nel finale
Celiento 6,5
Salva nel primo tempo murando una conclusione di Giani a colpo sicuro, ultimo ad arrendersi provando un improbabile colpo dello scorpione proprio allo scadere. Protagonista sfortunato nel tentativo (ingiustamente non riconosciuto dalla decisione arbitrale) di evitare il corner fatale per le sorti giallorosse
Signorini 6
Fino al momento della sostituzione sicuramente non aveva demeritato: probabilmente sarebbe stato più utile averlo in campo fino alla fine
Nicoletti 5,5
Quasi tutti i pericoli del primo tempo nascono dalla sua fascia di competenza dove lascia libertà di movimento agli avversari che sistematicamente cercano il cross per la testa di Caracciolo. Esce nella ripresa sul risultato in parità
De Risio 7,5
Sfodera una delle migliori prestazioni della stagione: sempre presente in tutte le azioni, se il Catanzaro rientra in partita lo deve al suo destro potente e chirurgico che mette il pallone dove De Lucia non può arrivarci. Sua anche la precisa verticalizzazione su Fischnaller un attimo prima del pareggio che vale il gol del compagno poi (frettolosamente) annullato per fuorigioco
Maita 6
Partita con luci ed ombre, non gestisce con la solita lucidità il pallone dando l’impressione di soffrire il pressing dei verdeazzurri soprattutto nei primi 45 minuti con il vento contrario. Molto più incisivo nella ripresa, è suo lo splendido assist sulla testa di Fisch che porta all’illusorio vantaggio giallorosso
Statella 6
In questo finale di stagione non è sembrato il giocatore arrembante che ha fatto da padrone sulla fascia destra per gran parte del campionato: insieme a Kanoute ha costituito una straordinaria coppia esplosiva sulla fascia ma questa volta non riesce a trovare lo spazio giusto per rendersi letale
Kanoute 6,5
Nella prima mezzora il Catanzaro si affida completamente a lui, l’unico capace di saltare l’uomo e di inventare qualcosa per superare la guardia attenta studiata da mister Zenoni: le uniche azioni pericolose dei giallorossi nel primo tempo portano la sua firma
Bianchimano 5,5
Delude ancora una volta le aspettative, perdendo la sfida degli “aironi” con il collega Caracciolo: nel segno della continuità esce in anticipo per un nuovo (ennesimo) infortunio. L’impressione è che dopo la gara disputata al “Granillo” non si sia più pienamente ripreso dagli acciacchi
Fischnaller 7
E’ lui l’anima di questa squadra: capace di sbloccare la partita in qualunque momento, c’era riuscito ad inizio ripresa ma il guardalinee non gli lascia il tempo di esultare, ma diventa un rapace sul gol del 2-1 dove si inserisce splendidamente tra difensore e portiere

D’Ursi 6,5
Accende la gara, come al solito frizzante e a tratti imprevedibile va vicino al gol che poteva regalare la tranquillità ai giallorossi ma De Lucia si supera intercettando il pallone diretto nella rete
Giannone 6
Meglio rispetto all’andata ma riesce a rendersi pericoloso solo sui calci piazzati dove fa valere l’estro che in questa stagione non è riuscito a mettere pienamente a disposizione della squadra
Eklu 6
L’impressione è che probabilmente ci sarebbe stato bisogno di lui anche prima e con l’infortunio di Figliomeni poteva costituire una valida alternativa al centro della difesa
Pambianchi 6

Fa il suo nei minuti in campo

 

Mister Gaetano Auteri 5,5
Da chi è riuscito nell’impresa di sfatare dopo decenni tabu per le Aquile come il “Massimino”, il “Granillo” o Cava dei Tirreni, sinceramente ci si aspettava qualcosa in più in queste partite da dentro o fuori. Vero, è costretto a giocarsi il tutto per tutto in 90 minuti contro una delle formazioni più ciniche di questi playoff, per di più senza Favalli, Riggio e con mezzo attacco acciaccato: tuttavia, una volta riuscito nella rimonta, troppo presto considera la partita in cassaforte e decide di rinunciare a giocatori che probabilmente potevano ancora dire la loro, film già visto in questa stagione. Al resto, ci pensa Amabile di Vicenza

 

 

Danilo Ciancio

Related posts

Aquile tra poco in campo… con possibili novità

Cosimo Simonetta

Tra poco Catanzaro-Francavilla: si rivede De Giorgi

Cosimo Simonetta

Tra poco Francavilla-Catanzaro: Letizia c’è

Cosimo Simonetta