La Voce del Direttore

Scacciare i fantasmi – Il Punto di Claudio Pileggi

banner

Avevamo iniziato, a settembre, con un articolo fortemente critico, all’indomani della sconfitta di Rende. Eravamo amareggiati, soprattutto per solidarietà verso i cinquecento tifosi che erano usciti umiliati e mortificati dal campetto dell’interland cosentino. Ci eravamo andati giù duro, molto duro. Siamo stati anche criticati perché in fondo si era appena a inizio campionato. Poi la squadra, dalla nona giornata, si era rialzata e aveva fatto sognare per lunghi tratti addirittura la promozione diretta. Alla fine un ottimo terzo posto, e conseguente qualificazione da privilegiati ai playoff. Oggi, lo ammettiamo, proviamo la stessa sensazione del post Rende. E questo non tanto per la sconfitta, rimediabilissima, ma ancora una volta per la delusione data stavolta a ben 1500 tifosi al seguito, moltissimi partiti proprio dalla Calabria sabato notte e rientrati a casa addirittura nel pomeriggio di oggi. E anche questa volta mortificati e sconfitti in un campetto di periferia.

 

E quindi l’istinto ci direbbe di andarci giù duro anche questa volta. Ma siamo consapevoli che non è il caso, che i processi si fanno alla fine e che questo è il momento di stare uniti. Quindi diciamo: calma e gesso. Ma nello stesso tempo suggeriamo a mister Auteri di cambiare modulo e registro fuori casa. Troppe delusioni e prestazioni mediocri nelle ultime trasferte. Bisceglie, Rieti, Viterbo, Siracusa e infine Salò. C’è qualcosa da rivedere, sia tatticamente che in quanto a mentalità. Perché i playoff si giocano su due partite, e non possiamo scendere in campo con la supponenza di risolvere tutto al “Ceravolo” perché potrebbe rivelarsi un grave errore. Quindi, intanto, tutti allo stadio, dobbiamo subito rimediare e scacciare i fantasmi apparsi in riva al Garda.

Claudio Pileggi

Related posts

“Rinforzi cercasi” – Il punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi

Ancora “omaggi” agli avversari – Il Punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi

Occasione persa – Il Punto di Claudio Pileggi

Claudio Pileggi