L'avversario di turno Primo Piano

SI GIOCA CONTRO… La Feralpisalò: ritorno playoff

banner

Organizzata, esperta, quadrata: e chi se l’aspettava così? Ha destato grande impressione la Feralpisalò nell’andata dei playoff. Più merito suo o demerito di un Catanzaro abulico e poco adattato al 4-3-3? La risposta nel match di ritorno che i giallorossi devono assolutamente vincere in un “Ceravolo” che si prevede pieno in ogni ordine di posto, nonostante l’orario e il giorno non proprio comodi.

Anche per questo da Salò non si prevede grande affluenza di pubblico con la curva “Mammì” che di sicuro si farà notare per “qualche” spazio vuoto. Non sarà solo colpa della distanza, ma anche della storia e della passione: in una realtà piccola e  giovane come quella bresciana, la locale squadra di calcio non rappresenta quello che è, ad esempio, il Catanzaro: cioè tutto. A Salò non si vive di calcio, sui Tre Colli si. Ed è per questo che tutti si aspettano una gara, e un risultato, diverso dalla partita di andata dove la organizzata, esperta e quadrata Feralpi ha sorpreso tutti: da Furlan sul gol decisivo, alle fasce, bloccate e poco incisive, agli attaccanti, davvero mai pericolosi. Un atteggiamento e una prestazione che ovviamente sulle rive del lago hanno apprezzato e che lascia molte speranze.

LE PAROLE DI ZENONI

Lo si evince dalle parole del mister dei bresciani, convinto di passare il turno: <<Partiamo comunque avanti – dice in un’intervista al Giornale di Brescia-. Dovremo scendere in campo nella stessa maniera, replicando la prestazione>>, anche se <<ci vorrà anche molta attenzione, perché loro dovranno attaccare e di conseguenza saranno costretti a lasciarci qualche spazio>>. Un Damiano Zenoni fiducioso che, forse bluffando, fa intuire di voler giocare di rimessa, sfruttando le individualità: <<Molti dei nostri giocatori sono esperti – dice ancora- e hanno giocato su questi campi. Mi auguro che possano essere i trascinatori di questo secondo round. Non sarà facile ma abbiamo tutte le carte in regola per passare il turno>>.

LA PROBABILE FORMAZIONE

Per farlo si affiderà all’undici che gli darà più garanzie, senza basarsi su un modulo preciso, come fatto domenica quando ha sorpreso tutti tenendo, inizialmente, fuori dalla contesa bomber Caracciolo. Che però, sembra stavolta partire tra i titolari. Zenoni infatti vuole usare l’esperienza, consapevole di poter giocare per due risultati su tre. E così, confermando De Lucia tra i pali, si prevede la classica difesa a quattro con Legati, Giani, Paolo Marchi e Contessa. A metà campo tre uomini: Magnino, Pesce e Scarsella e là davanti il trio pericoloso con Maiorino, Mattia Marchi e Caracciolo.

 

Francesco Calvano

 

 

Related posts

Le Aquile non si fermano: ecco Pacciardi dal San Marino

Cosimo Simonetta

Zavettieri: “Farò di tutto per uscire da questa situazione”

admin

Erra alla vigilia della Casertana: Dovremo essere molto determinati

admin