Allenamenti

Aquile, la ripresa in vista dell’esordio

banner

Dopo il pieno di entusiasmo, sorrisi ed emozioni regalate dalla serata di ieri, laddove, nel quartiere marinaro,  una gremita piazza Brindisi ha abbracciato il Catanzaro, la squadra si è ritrovata oggi pomeriggio nel quartier generale di Giovino, mentre nello stesso momento i tifosi  hanno preso d’assalto la sede sociale di via Gioacchino da Fiore per sottoscrivere gli abbonamenti. 

Il palpabile entusiasmo registrato in ogni occasione (gara casalinga di Coppa Italia con la Casertana, successiva trasferta di Salerno e ieri sera, appunto, per la presentazione ufficiale) si sta infatti traducendo nella corsa all’abbonamento per la stagione 2019/2020, al punto che il traguardo delle 2.000 tessere, auspicato dal Presidente Noto, non appare una chimera. 

A partire dalle ore 17, la truppa di giallorossa con rinnovata fiducia, ha continuato a preparare minuziosamente l’esordio casalingo che domenica 25 agosto la vedrà contrapposta al temibile Teramo di mister Todino e dell’ex Infantino. A tal proposito, è di oggi pomeriggio la notizia secondo la quale il match del Ceravolo, il cui fischio d’inizio era originariamente previsto per le ore 15, è stato dalla Lega posticipato alle ore 16,30 assecondando, date le elevate temperature proprie del mese di agosto, le legittime richieste del Catanzaro e dei suoi supporters. 

Il sempre esigente mister Auteri  ha torchiato i suoi ragazzi sottoponendoli ad esercizi tattici improntati sulla rapida transizione della palla con tocchi di prima e velocità di esecuzione, il cui intento è quello di favorire la percussione sulle fasce degli esterni alla ricerca della punta. All’esito è stata effettuata un’ulteriore esercitazione “a pressione” che ha visto contrapposto, in due blocchi,  l’attacco e la difesa. In questo caso, obiettivo non è stato fare gol bensì scavalcare la linea difensiva a e fare “meta” poiché i portieri erano impegnati in esercizi specifici. Per la cronaca, da segnalare la buona impressione destata da tutti e tre gli estremi difensori apparsi particolarmente concentrati e reattivi. 

Successivamente, suddivisi in tre gruppi in ragione della robustezza numerica dell’attuale rosa, i calciatori (compreso Nicoletti e ad eccezione di Fischnaller che ha lavorato a parte) si sono cimentati in una partitella utile anche per acquisire maggiore brillantezza dopo oltre un mese di durissima preparazione atletica. 

Gregorio Buccolieri

Related posts

Razzitti: “Con l’Ischia non vogliamo vanificare quanto fatto sin qui”

admin

Maita: “A Matera per giocarci le nostre carte”

admin

Zavettieri: “A Catania con coraggio”

admin