L'avversario di turno

SI GIOCA CONTRO… Il Monopoli

banner

Il Catanzaro gioca a Monopoli. Si, nella seconda trasferta di campionato – seconda consecutiva e seconda in Puglia – i giallorossi giocano a Monopoli. Troppo facile restare ingannati e pensare al nome del famosissimo gioco di società, eppure tra gli “imprevisti” di una gara sempre ostica e le alte “probabilità” di successo, se l’undici giallorosso non sarà “parco della vittoria”, ecco che di analogie ce ne sono parecchie.

LA STORIA

Anche se la società biancoverde – e la città che rappresenta – non sono stati fonte di ispirazione per i creatori del gioco da tavolo. Su un altro tavolo invece, presumibilmente, Mario Tarantino fonda la squadra nel 1958. Da lì tanti anni di militanza tra dilettanti, quarta e terza serie senza grossi successi da ricordare e con un triste fallimento datato 2010. E, per questo match, da ricordare anche Angelo Mammì che ha allenato il “gabbiano” nella stagione 1982.  Anche in quell’anno e come sempre Monopoli venne visto come campo difficile da espugnare e il “Simone Veneziani” spesso è stato fortino invalicabile.

I PRECEDENTI

Ne sa qualcosa il Catanzaro che nei 14 precedenti ha vinto solo due volte. Meglio hanno fatto i padroni di casa con 5 successi, anche se è il pareggio a farla da padrone quando si incontrano queste due compagini: su 14 gare, la metà si sono concluse con il segno “X”. Non poteva quindi fare eccezione l’ultimo precedente, disputato lo scorso anno, a Ottobre, e finito 0-0. Mentre le due vittorie giallorosse sono abbastanza recenti. L’ultima è del 25 marzo, quando il Catanzaro di Pancaro sbanca il “Veneziani” grazie a due gol in rapida successione di De Giorgi e Zanini. Prima ci sono due pareggi e prima ancora il secondo successo giallorosso. È la stagione 2009/2010 e sulla panchina delle Aquile siede un certo Gaetano Auteri. In campo, fra gli altri, Manolo Mosciaro che siglerà il gol partita.

GLI EX

In quel Catanzaro cominciava a muovere i primi passi un certo Ciro De Franco che, da un anno, è il perno della difesa pugliese e anche l’ex di turno di questa gara per i padroni di casa. I quali in questa stagione hanno salutato Doudou Mangni, passato nelle fila giallorosse.

IL MOMENTO ATTUALE

Un’assenza della quale poco importa in questo momento di gran caos tra le fila biancoverdi. Quella che si va concludendo, infatti, è stata una settimana turbolenta. Lunedì sera infatti, a 24 ore dalla sconfitta in casa della Paganese, la società ha deciso di esonerare mister Roselli e richiamare Giuseppe Scienza, ancora libero e che nelle ultime due stagioni ha portato il Gabbiano per ben due volte a disputare i playoff. Una sorta di talismano che ben conosce la piazza e parte dei giocatori. Un gradito ritorno ma improvviso. Che effetto avrà sulla squadra? Può essere un bene per il Catanzaro? Domande alle quali è impossibile rispondere e che rappresentano gli “imprevisti” di questa domenica giocando a Monopoli. Contro una squadra che mister Scienza, tenendo fede al suo credo, dovrebbe schierare con un 3-5-2. Antonino tra i pali, Ferrara, De Franco e Maestrelli in difesa. Triarico, Piccinni  Giorno, Carriero e Donnarumma in mediana. Curiosità per l’attacco dove potrebbe fare il suo esordio l’ultimo arrivato Jefferson che dovrebbe far coppia con Mendicino in attacco.

 

 

Francesco Calvano

Related posts

SI GIOCA CONTRO… Il Cosenza

admin

SI GIOCA CONTRO… Il Foggia

admin

SI GIOCA CONTRO… La Reggina

admin