Amarcord

“Ricordi quella volta…”: 26 ottobre ’86, il ritorno di O’ Rey – di Aurelio Fulciniti

banner

Correva l’anno 1986, il ritorno di Palanca. Ed è proprio in un giorno per nulla “qualunque”, il 26 ottobre 2019, che il mito di Massimo Palanca è tornato vivo nel pubblico italiano, dato che tutti coloro che amano il calcio non lo hanno mai dimenticato.

Nel noto quiz televisivo RAI condotto da Flavio Insinna – puntata chiaramente registrata, visto che il conduttore era proprio a Catanzaro per uno spettacolo teatrale – è arrivata puntuale la domanda su Palanca e su quale fra le quattro opzioni proposte fosse la sua dote migliore: “13 gol dalla bandierina”.

Non sappiamo se gli autori del programma ne fossero al corrente  – sarà stata una coincidenza, ma a noi piace pensare che fossero così ben preparati – ma il 26 ottobre 1986, sesta giornata di andata del girone B di Serie C1, Palanca giocò la partita che fu il suo secondo “esordio” a Catanzaro, in casa contro il Benevento. Alcuni erano perplessi in merito all’efficacia del suo ritorno in giallorosso, e fra questi l’allenatore giallorosso Claudio Tobia e – si disse – anche “Don” Nicola Ceravolo, all’epoca presidente onorario dopo tanti anni trascorsi alla guida della società.

E però Massimo Palanca zittì tutti dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo, con una “zampata” micidiale da pochi passi, allungandosi come un falco su una palla fulminea. “’A molla ‘on s’arruzzau”, fu uno storico commento sugli spalti. La “molla” non si era arrugginita, dunque, anzi, era elastica come sempre.

26 ottobre, giornata indimenticabile. Anche se – e forse non tutti lo ricordano – Palanca doveva esordire a Sorrento la domenica prima, ma un suo ex dirigente lo avvertì prontamente di una squalifica avuta quando giocava nel Foligno e non ancora scontata. Che fortuna, per lui e i colori giallorossi, visto che quello fu l’inizio di una cavalcata che portò a Palanca il titolo di capocannoniere con 17 gol e al Catanzaro il ritorno in Serie B. Una giornata davvero scritta nel destino.

 

Aurelio Fulciniti

Related posts

“Ricordi quella volta…” – Febbraio ’77: la prima volta in trasferta, in Serie A – di Aurelio Fulciniti

admin

“Ricordati di me…” – Angelo Conca, nato a San Siro…

admin

“Ricordi quella volta…” – Quando Bivi “purgò” Alberto Sordi – di Aurelio Fulciniti

admin