L'avversario di turno Primo Piano

SI GIOCA CONTRO… Il Potenza

banner

Che potenza questo Potenza. È un gioco di parole troppo facile ma perfetto per descrivere lo stato di grazia della capolista che domenica arriva al “Ceravolo”. Un gioco di parole che deve servire da monito a un Catanzaro che, di contro, è arrabbiato per la sconfitta snervante e immeritata del “Granillo”.

Anche i giallorossi quindi sentono dentro una potenza tale – o almeno si spera – per tirare fuori gli artigli, come solo un’Aquila sa fare quando serve.

LA STORIA

Anche se di fronte ci saranno undici leoni, e non è un semplice modo di dire visto che il simbolo dei rossoblu è proprio il leone. Un leone che, dal 1920, anno di fondazione, ha saputo ruggire nei momenti di gloria e reagire nei periodi di difficoltà. Si perché, pur vivendo anni di problemi e fallimenti, il Potenza calcio ha vissuto anche stagioni esaltanti. In particolare in Basilicata tutti ricordano, o hanno sentito parlare, degli splendidi anni 60 quando la compagine rossoblù disputò cinque campionati di serie B, apice della propria storia. Con il picco raggiunto nel 1964-65 quando arrivò il quinto posto in cadetteria, ovvero la serie A a un passo, grazie alle reti di un certo Roberto “Bonimba” Boninsegna.

I PRECEDENTI

Sono anni ruggenti per il Potenza che in tutte le cinque partecipazioni alla cadetteria affronta le Aquile. Lecito dunque aspettarsi una lunga serie di precedenti, visti anche gli incontri nelle serie minori. In totale al “Ceravolo”, infatti, sono 13 match e il bilancio è nettamente a favore dei giallorossi: 6 vittorie a una, inframezzati da cinque pareggi. Quattro dei quali arrivano tutti proprio in serie B. Curioso in particolare quello del 1966, anche allora alla decima giornata. Il Catanzaro è avanti 2-0 grazie ai gol di Bui e Tribuzio, poi il Potenza pareggia al novantesimo grazie a due sfortunati autogol.

È questo l’ultimo segno “x” al Ceravolo perché dopo la buona tradizione per le Aquile continua, sebbene nel 2006-2007 c’è il primo e unico successo potentino. Il Catanzaro post fallimento di Pittelli, l’Fc con Domenicali in panchina, va sotto 0-3 (Dettori e doppietta Nolè), poi prova la rimonta, tardiva, con Cuffa e  Giuntoli. Saprà fare meglio il Catanzaro negli anni seguenti, come l’anno scorso quando Ciccone su rigore decide il match che fu l’esordio del campionato.

GLI EX

C’era in quel match, tra le fila del Catanzaro, un allora sconosciuto Alvaro Iuliano che questa estate è invece passato al Potenza. Match dunque speciale per lui che ha sempre dichiarato di essere grato al Catanzaro per averlo lanciato nel calcio importante.

IL MOMENTO ATTUALE

Calcio importante che ora sogna col Potenza. E non è solo per l’attuale posizione da capolista ma perché tutto l’ambiente ci crede e vuole la serie B. Un progetto partito lo scorso anno, puntellato quest’anno con la continuità rappresentata dal mister Pino Raffaele e da un gruppo compatto di calciatori ai quali sono stati uniti giocatori di qualità come Arcidiacono e Vuletich. Bocche di fuoco esperte a cui stare attenti, anche se il punto forte del Potenza sembra la difesa visto che finora ha subito solo due gol in tutto il campionato, uno tra l’altro nella difficile trasferta di Terni, unica sconfitta finora nel torneo. Insomma, al momento senza dubbio la squadra da battere che visti i numeri e le avversarie già affrontate, si candida a una delle possibili vincitrici del torneo. Per farlo la squadra si basa su un’impronta di gioca molto chiara, votata principalmente al gioco sulle fasce come dimostra l’uso del 3-4-3. Squadra dunque speculare al Catanzaro che dovrebbe schierarsi così. Ioime in porta,  Sales, Emerson e Giosa davanti a lui, Dettori e Ricci centrali (se Iuliano non ce la fa) con Panico e Viteritti sulle fasce. Davanti sicuri Arcidiacono e Vuletich per il terzo posto “sfida” tra Isgrò, Murano e Longo.

 

Francesco Calvano

Related posts

Natale alle porte: i pacchetti pubblicitari natalizi de “Il Giallorosso”

admin

AMATORI. Nuovi Amat. Catanzaro e Pol. Mater Domini offrono spettacolo: finisce 3 a 3

admin

SI GIOCA CONTRO… La Vibonese

admin