Partite

Prima vittoria per Grassadonia: Avellino battuto per 3-1

banner

Buona prestazione del Catanzaro che sembra rispondere positivamente alle prime cure di mister Grassadonia superando con merito l’Avellino per 3-1. La squadra schierata con un inedito quanto più coperto 3-5-2, è sembrata più concentrata e convinta dei propri mezzi, conquistado una vittoria importante contro un ostico Avellino che consente così di ripartire con maggiore fiducia. Marcature di Favalli (tra i migliori in campo) e Nicastro nel primo tempo, riapre la gara Di Paolantonio, Kanoute la chiude nella ripresa.

Secondo turno consecutivo al Ceravolo per un Catanzaro alla ricerca di nuova identità, mister Grassadonia si presenta con qualche novità, la più importante rappresentata dall’esordio di Pinna in campionato, finora oggetto misterioso della rosa giallorossa che insieme a Martinelli e Signorini comporrà il trio difensivo davanti a Di Gennaro. Centrocampo a cinque composto da Favalli e Statella esterni, Risolo Tascone e Casoli centrali, mentre bocche di fuoco Nicastro e Kanoute. Poco più di 4 mila spettatori e soprattutto scenario lontano dall’entusiasmo palpabile fino a qualche settimana fa. In curva ospite circa 150 tifosi avellinesi.

Fase di studio iniziale tra le due compagini, con il Catanzaro tatticamente disposto a maggiore copertura, capace di esercitare un discreto predominio di campo ma senza creare pericoli, i primi venti minuti volano via con i portieri inoperosi, neanche un tiro in porta.

Primo scossone al 21′ con Micovschi che arriva facilmente al tiro e le Aquile sono salvate dall’incrocio dei pali, sulla ribattuta Di Paolantonio tira centralmente e Di Gennaro blocca. Il palo serve da scossa per i giallorossi che al 23′ vanno in vantaggio: assolo di Casoli che, nonostante il brutto fallo subito, riesce a servire l’accorrente Statella, conclusione forte verso Abibi che respinge sui piedi di Kanoute, seconda conclusione murata dalla difesa irpina che si arrende al tap-in vincente di Favalli. Il gol sa quasi di liberazione e al 27′ il Catanzaro raddoppia: perfetto il cross dalla sinistra di Favalli, ancora lui protagonista, proprio sulla testa di Nicastro che non sbaglia la deviazione vincente: 2-0 per i giallorossi.

L’Avellino prova a rialzarsi dopo questo uno-due subito e prima ci prova con Charpentier al 36′, ancora una volta percussione centrale ma il tiro finisce a lato di poco. Al 43′ arriva il gol ospite: errore difensivo di Signorini che perde palla ad opera di Rossetti che la mette velocemente al centro, bucata di Di Gennaro e Di Paolantonio indisturbato sul secondo palo deposita in rete.

Proprio sul finale di tempo l’Avellino riesce a riaprire la gara, l’arbitro dopo due minuti di recupero manda tutti negli spogliatoi sul risultato di 2-1 per il Catanzaro.

Riprende la gara, nessun cambio tra i giallorossi. Il Catanzaro sembra ripartire convinto dei suoi mezzi, Kanoute ci prova due volte in un minuto, entrambe le conclusioni vanno fuori dallo specchio della porta. Ancora l’attaccante senegalese al 53′ spreca una ghiottissima occasione: discesa imperiosa sulla sinistra di un rigenerato Favalli che la mette al centro verso Kanoute che spalle alla porta si gira male e conclude maldestramente fuori. Ci prova anche Tascone da fuori area al 60′, conclusione centrale tra le braccia di Abibi. Fa il suo ingresso in campo Maita che rileva per l’ultima mezzora uno stanco Risolo. L’Avellino si fa vedere al 63′ dalle parti di Di Gennaro con una punizione quasi dal limite di De Marco che termina a lato. Ospiti vicini al pareggio con Charpenter che elude la difesa giallorossa e crossa al centro dove Micovschi è bravo ad anticipare Statella alla spalle ma conclude alto. Superato il pericolo, Il Catanzaro capisce che è il momento di chiudere la gara e lo fa al 76′ con Kanoute che riceve palla da Nicastro e dopo aver superato con un dribbling anche Abibi deposita in rete il gol del 3-1.Bravo nell’occasione Nicastro nel credere nel contropiede sfruttando l’errore di Laezza. Catanzaro che ora gioca sul velluto ed ha più di un’occasione per affondare il colpo ma è impreciso nei metri finali. Clamorosa quella capitata all’86’ ancora una volta sui piedi di Kanoute ma questa volta Abibi respinge la conclusione.

Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine dell’incontro con il Catanzaro che meritatamente vince 3-1 e conquista tre punti importanti lanciandosi così alla rincorsa delle posizioni perse nelle ultime giornate.

Danilo Ciancio

Related posts

US, 0-0 ad Isola senza emozioni

admin

Catanzaro VS Matera – La Photogallery

Cosimo Simonetta

Catanzaro VS Monopoli – La Photogallery

Cosimo Simonetta