Probabile formazione

Aquile, la Coppa vale il “dentro o fuori”

banner

Quarto di finale in gara unica: alla luce dell’odierna classifica in campionato, Catanzaro – Catania assume i contorni da una vera e propria ultima spiaggia per cullare ancora sogni di gloria.

Mister Grassadonia, dopo essere “ritornato” al 3-4-3 di auteriana memoria contro il Picerno, potrebbe passare al suo più congeniale 3-5-2, considerando che i giallorossi sono ancora decimati dagli infortuni.

Mai come in questo caso il condizionale è d’obbligo, posto che, a seguita della recente vittoria contro la matricola lucana, la società di patron Noto ha indetto un inaspettato silenzio stampa. 

Al Ceravolo, quindi, davanti al portiere Di Gennaro, la linea difensiva – se a tre – potrebbe essere costituita da Riggio a destra qualora Celiento non recuperasse, Martinelli al centro e Nicoletti a sinistra. 

Sulla mediana  scelte praticamente obbligate. Statella e Favalli agiranno rispettivamente sulla corsia di destra e di sinistra, mentre al centro, accanto al capitano Maita, dal primo minuto, potrebbero trovare posto  De Risio e Tascone

In avanti, il tandem Nicastro e Fischnaller, con Kanoute, Bianchimano, Giannone e Di Livio pronti a subentrare anche qualora ci fosse necessità di variare l’assetto.

 

Gregorio Buccolieri

Related posts

Aquile, coperta corta con la Paganese

Cosimo Simonetta

Playoff alle porte, ma c’è il Trapani da superare: Auteri medita un cambio

Cosimo Simonetta

Picerno al “Ceravolo”: tandem Fisch-Bianchimano

admin