Sala Stampa

Aquile chiamate a rialzarsi: Auteri alla vigilia

banner

“Pensare una gara per volta evitando di avere la testa già ai playoff”. E’ questo il diktat del mister del Catanzaro, Gaetano Auteri, per il prosieguo del campionato, a cominciare dalla trasferta di Potenza, pochi giorni dopo la disfatta interna nel derby con la Reggina. 

“Ci sono ancora tante partite da fare e non possiamo commettere l’errore di pensare già ai playoff. Dobbiamo salvaguardare e provare a migliorare questa posizione. Ripartiamo – dunque – dalla partita fatta con la Reggina contro cui, per concentrazione e intensità, abbiamo  dimostrato di poter invertire la tendenza con le big”. 

Commentando gli infortuni che riguardano principalmente il reparto di avanzato e sulle contromisure da adottare: “In attacco abbiamo giocatori non al massimo come Tulli e Kanoute che però finalmente è rientrato dopo essere stato fuori per una banalità. Abbiamo tutti giocatori destinati a crescere. Indipendentemente da chi sarà scelto dall’inizio o potrà subentrare, abbiamo bisogno di tutti. Non ci sarà mai un titolare o una riserva. Bianchimano e Di Piazza possono coesistere, anche se a Francavilla non è avvenuto. Abbiamo comunque dei giocatori freschi”.

 

Interpellato sull’avversario di domani: Il Potenza si è ulteriormente rinforzato a gennaio, è una squadra ostica e solida, capace anche di mutare la disposizione tattica in campo. Dovremo essere bravi anche noi a cambiare e non ad adattarci”.

A proposito di sostituzioni, pesante sarà l’assenza di De Risio, ma il mister non fa drammi:Con Corapi nel ruolo di play basso è più adatto Urso per caratteristiche più elastiche rispetto a Iuliano. Dipende da come decideremo di schierarci e affrontare l’avversario”.

Infine non poteva mancare un breve commento circa la gara d’andata, che gli costò l’esonero: “Se fossi andato in sala stampa dopo quella gara mi sarei assunto tutte le responsabilità perché dovevamo fare meglio. Fu una condizionata da errori nostri, perché non giocammo un brutto primo tempo, ma ci smarrimmo dopo lo 0-2 senza riuscire a reagire e finì così. E’ un’altra gara, loro avranno rispetto per noi e noi lo abbiamo avuto all’andata. Ogni gara storia diversa, ma sicuramente nel frattempo le squadre – sia noi che loro – sono cambiate. Serve continuità di risultati, che è fondamentale”. 

Gregorio Buccolieri

Related posts

[VIDEO] “Chi si ferma è perduto, specie nel calcio”: Statella ai microfoni

admin

[VIDEO] L’amaro di Noto in sala stampa

admin

[VIDEO] Casoli prende parola: “La mia volontà era arrivare a Catanzaro”

admin