Sala Stampa

Atanasov si racconta: “A Catanzaro per vincere”

banner

Atanasov-Celiento-Monopoli-Foto Cosimo SimonettaInseguito, desiderato e infine arrivato sui tre colli: Zhivko Atanasov difensore bulgaro classe ‘91.

“Finalmente sono arrivato, sono molto contento di far parte della famiglia Catanzaro, una società molto importante dove è evidente che si sta bene e si lavori con serenità”. È stato il DS Logiudice a spingere per il suo acquisto per le doti che vede spiccate in lui e, dopo un lungo corteggiamento, riesce a portarlo in casa giallorossa dove Atanasov si è subito trovato bene. Ci racconta infatti: “Quando sono arrivato ho trovato una squadra con tanti giocatori forti e sia in allenamento che in campo mi hanno dato una mano. Anche i ragazzi arrivati dopo di me sono molto preparati e competitivi per questa categoria. A giocare con i compagni di reparto mi trovo bene, la posizione da centrale destro è differente da ricoperta a Viterbo”.

Avendo vissuto la transizione Grassadonia-Auteri, Zhivko non si sbilancia a parlarne troppo ma si limita a gioire per le vittorie recenti, dietro le quali c’è grande impegno durante gli allenamenti dato l’organico rafforzato da un mercato importante.

“Non mi aspettavo che perdessimo a Monopoli e a Teramo, è stata una sorpresa per me visti anche gli allenamenti. Ora voglio continuare a vincere e poi vincere ancora. Mi trovo molto bene con Auteri, lo sto seguendo e secondo me abbiamo la stessa visione sul calcio”, dice a tal proposito. 

Poi, raccontando un aneddoto personale, svela Atanasov: “Mia madre, da sportiva, mi ha insegnato tanto, come il rispetto per il mio lavoro e i miei colleghi, a seguire il mio allenatore è a migliorare col sacrificio”.
Dora Dardano

Related posts

Casoli dopo Caserta: “Migliorare l’impatto agonistico”

admin

Grassadonia: “Siamo un cantiere aperto, continuiamo senza proclami”

admin

Auteri non fa drammi: “Giusto il pareggio”

admin