Sala Stampa

Consapevolezza e fiducia: il Catanzaro riparte

banner

Nel campionato che passerà agli annali per essere stato dominato dalla Reggina senza rivali, la formazione dello Stretto ottiene nel derby di ritorno un’altra vittoria che sa ancora una volta di beffa per i giallorossi.

Ancora una volta, gli amaranto la spuntano per 1-0 e come all’andata le velleità del Catanzaro si infrangono sul montante alla destra di Guarna. Doveva, probabilmente, andare cosi. Mister Auteri, al termine del derby è apparso sereno e comunque soddisfatto della prova offerta dalla sua squadra “rabberciata” per via dei tanti infortuni occorsi. Eppure, il tecnico non ha risparmiato qualche stilettata. 

“Abbiamo disputato una buona gara  nel complesso siamo stati molto competitivi sebbene tra le due squadre non ci sia stata molta differenza. La partita – prosegue il trainer di Floridia –  l’ha decisa una giocata di Doumbia che ha rotto gli equilibri”. 

Su cosa fosse mancato ai suoi ragazzi, ormai è un refrain che si ripete dall’inizio dell’anno: “Ci è mancata la giocata e anche qualcosa in termini di maturità e consapevolezza. Loro giocano con quel pizzico di furbizia che ci può stare anche se alle volte esagerano. Le regole vanno rispettare e ci dovrebbe essere qualcuno preposto”. Cosi ha  tuonato sul punto il mister giallorosso, citando a titolo esemplificativo direttamente il suo collega avversario: “Toscano si può permettere di andare alla bandierina del calcio d’angolo e viene solo ammonito”. 

Sul prosieguo di campionato: “Non credo che usciamo sminuiti. Noi veniamo da un percorso travagliato e dobbiamo ripartire da quello che abbiamo fatto sul piano dell’atteggiamento. Giocando così difficilmente perderemo. Oggi abbiamo ripetuto quello che avevamo compiuto nelle prime tre partite e infatti non siamo quasi mai andati in difficoltà”. 

Quindi una battuta sui tanti infortuni: “Kanoute ha fatto una buona gara per un’ora seppur con un’infrazione al dito. Ci stanno capitando delle cose solo in un reparto come Tulli e lo stesso Kanoute”.

A fargli eco, la voce autorevole di capitan Francesco Corapi: “Abbiamo giocato meglio della Reggina, anche a sfavore di vento. Bravi loro a sfruttare l’unico tiro in porta – sottolinea Ciccio Corapi -. Hanno iniziato con un certo ostruzionismo da subito, poiché anche il pareggio sarebbe stato risultato positivo per loro. Siamo consapevoli di essercela giocati alla grande e ripartiamo così”.

Una sconfitta che, in prospettiva, potrebbe complicare di molto la posizione dell’US. E Corapi, in tal senso, è categorico: “Adesso oltre ad inseguire dobbiamo guardarci anche dietro, perché le altre hanno accorciato la classifica”.

 

Gregorio Buccolieri 

Related posts

Vigilia del match, Auteri: “Gara tosta, torniamo ad essere squadra”

admin

[VIDEO] Vibonese-Catanzaro 0-0: LE VOCI DALLA SALA STAMPA

admin

Risolo: “Catanzaro l’opportunità della mia vita”

Cosimo Simonetta