Partite Primo Piano

Playoff: Aquile, buona la prima

banner

Missione compiuta e con il minimo sforzo il Catanzaro passa il turno nei playoff al termine di una gara che finisce senza reti, soprattutto nel primo tempo i giallorossi hanno più occasioni di passare in vantaggio ma peccano di precisione. Gli abruzzesi si rendono pericolosi sullo scadere dei 45 minuti ma è bravo Bleve a dire no ad una punizione velenosa di Bombagi. Ripresa più equilibrata con il Teramo  che termina la gara in dieci per l’espulsione di Piacentini.

Dopo 111 giorni di stop torna il calcio al “Ceravolo” rigorosamente vuoto sugli spalti per l’occasione, ma tanti i cuori collegati in tv e pronti a esultare come se fossero presenti. Gara secca per questi playoff con il format modificato, ogni partita una finale.

Mister Auteri si affida alla formazione che sulla carta sembra dare maggiore affidabilità schierandola con il consueto 3-4-3: Bleve vince il ballottaggio in porta, linea difensiva composta da Celiento, Atanasov e Martinelli, centrocampo con capitan Corapi e De Risio mentre sugli esterni preferiti Casoli e Contessa, Carlini, Kanoute e Di Piazza bocche di fuoco.

Prima vera occasione per il Catanzaro al 6′ con una bella progressione di Celiento che dopo aver scambiato con Kanoute si inserisce in area di rigore ma il cross è deviato in angolo, il primo della gara che finisce senza esito. Al 10′ Di Piazza sembra subire fallo da ultimo uomo, ma l’arbitro non prende nessuna decisione. Occasione d’oro al 15′ per i giallorossi tra i piedi di Kanoute: errore in uscita di Valentini, ne approfitta Casoli e la palla termina sui piedi del senegalese che si fa però intercettare la conclusione di schiena da Soprano. Valentini si riscatta però dopo qualche minuto deviando in angolo un bolide di Casoli diretto all’incrocio. Dopo il cooling break al 25′ contemplato dalle nuove regole di gara, il Catanzaro riprende con gli stessi ritmi ed ha almeno un paio di situazioni con Di Piazza per passare in vantaggio ma il bomber giallorosso non centra la porta. Il Teramo da parte sua si rende pericoloso allo scadere con una velenosa punizione di Bombagi ma si fa trovare pronto Bleve a neutralizzare il tiro. Parata non facile per il portierone giallorosso.

SI conclude sullo 0-0 il primo tempo, con il Catanzaro apparso superiore capace di costruire buone occasioni senza però concretizzare, mentre il Teramo si fa vivo solo nel finale.

Inizio ripresa a ritmi alti con le occasioni che si susseguono nei primi quindici minuti. Il primo tiro pericoloso è di Mungo al 51′ ma Bleve anche questa volta si fa trovare pronto e si distende in angolo. Risponde subito dopo il Catanzaro con un tiro di Contessa sugli sviluppi di un calcio d’angolo che finisce fuori di poco, mentre Magnaghi al 55′ per poco non sorprende Bleve con un sinistro che non centra lo specchio della porta. Partita aperta, il Catanzaro che ha speso molto nel primo tempo sembra ora rifiatare mentre il Teramo prova ad approfittarne.

Primo a fare le spese di questa breve forzata preparazione in vista dei playoff è Di Piazza che al 65′ è costretto ad uscire per crampi: al suo posto Tulli. Buona occasione per i giallorossi al 70′ costruita da Kanoute sulla destra e finalizzata male da Contessa con un sinistro da dimenticare. Aquile che cercano il varco giusto nelle maglie ora più larghe degli ospiti ma regna l’imprecisione. Entra anche Di Livio al posto di uno stanco Kanoute che sfrutta la sua velocità e costringe al secondo fallo Piacentini che si becca così il rosso: biancorossi in inferiorità numerica negli ultimi minuti di gara.

Ultimi minuti che non offrono altro, finisce 0-0 e il Catanzaro passa al Secondo Turno previsto per domenica prossima, con gli occhi puntati su Ternana-Avellino: in caso di passaggio degli umbri (freschi delusi dalla sconfitta in finale di Coppa), le Aquile andranno a Potenza. Nel caso in cui, invece, dovessero vincere gli irpini, gli uomini di Auteri saranno di scena al “Massimino” contro il Catania, sempre domenica e sempre, ovviamente, in un “dentro-fuori” senza ritorno. 

Danilo Ciancio

 

 

Related posts

Erra: “Concentrati solo su di noi”

admin

Asfaltato il Rende al Ceravolo: finisce 3-0 per i giallorossi

admin

Le Aquile non vanno oltre il pari contro il Gubbio: al “Ceravolo” è 1-1

Claudio Pileggi